Morto Edoardo Sanguineti, poeta dell'avanguardia, aveva 79 anni

martedì 18 maggio 2010 20:24
 

ROMA (Reuters) - E' morto oggi a Genova Edoardo Sanguineti, poeta dell'avanguardia, autore teatrale, saggista e critico letterario. Aveva 79 anni.

Lo ha riferito un medico della direzione sanitaria dell'ospedale genovese Villa Scassi, dove Sanguineti era stato ricoverato e operato d'urgenza questa mattina.

La procura di Genova, dopo il decesso avvenuto in sala operatoria, ha deciso di aprire un fascicolo per accertare eventuali responsabilità ipotizzando il reato di omicidio colposo.

"E' deceduto intorno all'una e mezza", ha confermato a Reuters per telefono il medico dell'ospedale.

"Era giunto in mattinata con il 118, accusava dolori addominali che dopo alcuni esami hanno rivelato un aneurisma sanguinante. E' stato sottoposto a un intervento d'urgenza all'addome che è tecnicamente riuscito, ma in fase di risveglio ha avuto un arresto cardiocircolatorio e non c'è stato nulla da fare", ha spiegato.

Figura di letterato a 360 gradi, fuori e dentro il mondo accademico, Sanguineti fu poeta, intellettuale, professore di letteratura alle università di Torino, Salerno e Genova, autore di teatro, critico e saggista. Nato a Genova nel 1930 ha continuato sino all'ultimo una battaglia culturale iniziata con l'esperienza avanguardista degli anni Sessanta: insieme ad Angelo Guglielmi, fu lui il teorico più famoso del Gruppo 63, movimento di neoavanguardia che si richiamava alle idee del marxismo e alla teoria dello strutturalismo.

E' stato anche consigliere comunale e poi deputato come indipendente nelle liste del Partito Comunista.

La decisione di indagare sul suo decesso, riferisocno fonti giudiziarie, è stata del sostituto procuratore Patrizia Petruzziello.

 
<p>Edoardo Sanguineti in una foto dal sito di Rifondazione Comunista. REUTERS/Ho</p>