Marea nera, fonte: oggi nuovo tentativo Bp, che è fiduciosa

domenica 16 maggio 2010 17:26
 

LONDRA (Reuters) - Il colosso petrolifero Bp ha aspirato greggio e gas che fuoriescono da una condotta sottomarina nel Golfo del Messico e ha dovuto interrompere l'operazione, ma ritiene che il nuovo tentativo di oggi potrebbe avere successo.

Lo ha detto a Reuters una fonte vicina alle operazioni.

Il gas è stato portato in superficie ed è stato bruciato nell'operazione, poi sospesa, di ieri. Il petrolio è entrato in un tubo ma non è arrivato in superficie, ha spiegato la fonte.

"L'idea ora può ritenersi collaudata", ha detto la fonte, riferendosi all'operazione di aspirare greggio e gas inserendo un tubo nella conduttura danneggiata, e ha aggiunto che un nuovo tentativo verrà effettuato oggi.

Intanto cresce la pressione dei politici e l'indignazione dell'opinione pubblica per i lenti progressi nel fermare un disastro ambientale.

Le autorità affermano che anche se la perdita ha un impatto minimo sulla linea costiera e l'habitat naturale, resti di petrolio e catrame hanno iniziato a raggiungere le isole e le spiagge periferiche di Louisiana, Alabama e Mississippi.

Il presidente Usa Barack Obama è stato durissimo nei giorni scorsi con le compagnie petrolifere coinvolte nella massiccia perdita di greggio nel Golfo del Messico per lo "spettacolo ridicolo" nel rimpallarsi la responsabilità dell'incidente.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Veterinari al lavoro in Louisiana per ripulire un pellicano dalle tracce di petrolio. REUTERS</p>