Nube cenere, chiusure aeroporti in Gran Bretagna e Irlanda

domenica 16 maggio 2010 18:16
 

LONDRA/DUBLINO (Reuters) - L'Irlanda ha chiuso diversi aeroporti e la Gran Bretagna ha imposto delle no-fly zone nel proprio spazio aereo oggi per via di una nuova nube di cenere prodotta dall'eruzione di un vulcano in Islanda.

L'Irish Aviation Authority (Iaa) ha detto che tre scali nordoccidentali sono chiusi da stamani, e che l'aeroporto di Dublino resterà chiuso dalle 20 di stasera almeno fino alle 10 di domani, ora italiana.

I voli che riguardano il Nord Atlantico attraverso lo spazio aereo controllato dall'Irlanda non sono interessati dalle decisioni.

Il National Air Traffic Service britannico ha imposta no-fly zone su parti della Scozia e dell'Inghilterra, in un primo tempo tra le 14 e le 20 ora italiana e successivamente fino alle 2 di notte.

Rispetto al piano iniziale la no-fly zone interesserà anche Birmingham, fa sapere il Nats. Non risultano invece interessati gli aeroporti di Londra.

"La nube di cenere continua a cambiare forma e a muoversi verso sud", si legge in un comunicato.

Gli aeroporti di Teeside, Leeds-Bradford, Blackpool, Manchester, Liverpool, Doncaster, Carlisle, Humberside, Sheffield ed East Midlands rientrano nella no-fly zone, come pure gli scali dell'Irlanda del Nord, precisa il Nats in una nota. Saranno interessati dalla decisione anche gli scali in alcune parti della Scozia e nell'Isola di Man.

Il mese scorso la nube di cenere vulcanica ha provocato per giorni il blocco del traffico aereo in Europa.

 
<p>La nube di cenere dal vulcano islandese.REUTERS/Ingolfur Juliusson</p>