Cannes, appello dei registi alla Svizzera per Polanski

giovedì 13 maggio 2010 17:53
 

CANNES, Francia (Reuters) - Alcuni dei principali registi presenti quest'anno al film festival di Cannes hanno firmato un appello rivolto alle autorità svizzere, chiedendo di rifiutare la richiesta di estradizione avanzata dagli Usa nei confronti di Roman Polanski, per una violenza sessuale di alcuni decenni fa.

La petizione, firmata tra gli altri dai francesi Jean-Luc Godard, Mathieu Amalric e Xavier Beauvois, sostiene che la richiesta di estradizione sia fondata su "una bugia", sostenendo la stessa tesi della difesa di Polanski.

Gli autori dell'appello sono tutti in concorso al festival di Cannes, iniziato ieri e che si concluderà il 23 maggio.

Gli avvocati del regista premio Oscar 76enne avevano chiesto che il tribunale di Los Angeles fornisse alle autorità svizzere una testimonianza del processo che dimostrerebbe che le autorità americane hanno fornito informazioni non accurate nella loro richiesta di estradizione. Lunedì però la corte californiana ha rifiutato la richiesta.

La petizione, pubblicata sul sito del filosofo francese Bernard-Henri Levy, dice: "Con la presente ci appelliamo alle autorità svizzere, chiedendo loro di non credere alla parola del governatore Schwarzenegger e dei pubblici ministeri dello stato della California".

Levy ha aggiunto in una dichiarazione: "Non importa quanto siano brillanti i film presentati a questo nuovo festival, un uomo brillerà nella sua accecante assenza: Roman Polanski".

Il regista franco-polacco è agli arresti domiciliari in Svizzera, dove è stato arrestato su mandato Usa lo scorso anno.

L'accusa lo vorrebbe in tribunale, a Los Angeles, per rispondere dei rapporti sessuali avuti con una minorenne nel 1977.

Il regista fuggì da Los Angeles nel 1978, credendo che il giudice allora competente, nel frattempo deceduto, avrebbe rinegoziato su un accordo che limitava la sua condanna ai 42 giorni già scontati in un istituto di assistenza psichiatrica.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Roman Polanski in foto d'archivio. REUTERS/Hannibal Hanschke</p>