L'Oms rileva passi avanti verso gli obiettivi Onu sulla sanità

lunedì 10 maggio 2010 12:49
 

LONDRA (Reuters) - Molto meno decessi infantili e tassi minori di malnutrizione, Hiv e tubercolosi, dimostrano che sono stati fatti progressi significativi verso il conseguimento degli Obiettivi di sviluppo del millennio legati alla salute, secondo quanto dichiarato oggi dall'Organizzazione mondiale della sanità.

Nel suo rapporto annuale per il 2010, l'apparato delle Nazioni Unite per la sanità ha rilevato i notevoli passi compiuti da alcuni paesi, sebbene altri restino ancora molto indietro.

"Con cinque anni ancora prima della scadenza degli Obiettivi di sviluppo del millennio nel 2015 ci sono alcuni miglioramenti che colpiscono", sostiene il documento, che si basa sui dati raccolti tra i 193 stati membri dell'Oms.

Paesi come la Liberia, la Sierra Leone, il Mozambico e il Rwanda hanno fatto grandi progressi rispetto alla mortalità infantile, scesa a livello globale a 8,8 milioni nel 2008, il 30% in meno rispetto al 1990, con dati positivi anche relativi alla malnutrizione dei più piccoli, scesa del 16% nello stesso periodo.

Un miglioramento della situazione ha riguardato anche l'espandersi di malattie infettive come tubercolosi e Aids. I nuovi casi di Hiv sono diminuiti del 16% tra il 2001 e il 2008, anno in cui 2,7 milioni di persone hanno contratto la malattia.

Passi in avanti, sostiene il documento, sono stati fatti anche nel perseguire l'obiettivo che vorrebbe dimezzare entro il 2015 la parte della popolazione mondiale che non ha accesso all'acqua, sebbene "il tasso di miglioramento dovrebbe essere il doppio per raggiungere l'obiettivo, e persiste un gap tra le aree urbane e quelle rurali in molti paesi".

Meno positivi i dati di miglioramento sull'igiene, specialmente in Africa, con 2,6 persone che nel 2008 non hanno avuto accesso a servizi igienici minimi, con conseguente diffusione di malattie virali come il colera e le epatiti.

L'Oms ha dichiarato che i risultati globali dimostrano sostanziali differenze tra i vari paesi, con alcuni che sono molto rallentati dai conflitti, dall'insufficienza delle risorse, o dalle crisi economiche e umanitarie.

Gli Obiettivi di sviluppo del millennio sono stati istituiti nel 2000 da 189 capi di stato, con l'idea di condurre tra le altre cose una lotta globale contro la povertà, la fame e la carenza di accesso all'acqua.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Una donna in Etiopia piange la morte del figlio per malnutrizione REUTERS/Radu Sigheti</p>