Bondi non sarà a Festival di Cannes: "Draquila" offende Italia

sabato 8 maggio 2010 14:49
 

ROMA (Reuters) - Il ministro della Cultura Sandro Bondi non presenzierà al Festival di Cannes per protesta contro la partecipazione alla kermesse cinematografica del docufilm di Sabina Guzzanti "Draquila", considerato un atto d'accusa contro l'attività del governo Berlusconi nel post-terremoto all'Aquila.

Lo riferisce una nota del ministro in cui si parla di "rincrescimento" e "sconcerto" per "la partecipazione di un'opera di propaganda, Draquila, che offende la verità e l'intero popolo italiano".

Nel film -- già presentato in anteprima ai giornalisti e di cui alcuni passaggi sono andati in onda giovedì durante la trasmissione Rai "Annozero" di Michele Santoro -- Guzzanti "interpreta" Berlusconi mentre gira tra le macerie del centro storico dell'Aquila.

La tesi dell'autrice di satira è che l'esecutivo si sia in qualche modo "avvalso" della sciagura del sisma per creare consenso all'azione di governo.

Secondo l'opposizione, Bondi è "incapace di rappresentare la cultura italiana", come si legge in una nota del senatore Pd Vincenzo Vita, in cui si commenta la decisione del ministro.

Oltre 300 persone hanno perso la vita nel sisma che ha colpito l'Aquila e provincia nell'aprile dello scorso anno. Il governo -- e il premier in prima persona -- ha fatto del "miracolo" della ricostruzione uno dei suoi obiettivi fondamentali, decidendo tra l'altro, non senza scatenare polemiche, di portare il G8 del luglio scorso, inizialmente previsto a La Maddalena, nel capoluogo abruzzese in modo da attirare fondi e investimenti nell'area.

Il Festival di Cannes inizia mercoledì prossimo e si conclude il 23 maggio.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Il ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi. La foto &egrave; del maggio 2008. REUTERS/Dario Pignatelli</p>