Cina, abolito divieto ingresso stranieri con Aids

mercoledì 28 aprile 2010 08:49
 

PECHINO (Reuters) - La Cina ha tolto il divieto d' ingresso per le persone positive all'Hiv o malate di Aids, attenuando una politica che ha attirato critiche da tutto il mondo l'anno scorso, quando fu negato il visto allo scrittore australiano sieropositivo Robert Deassiax.

Fino ad oggi, la legislazione cinese vietava formalmente l'ingresso di stranieri con "malattie mentali, lebbra, Aids, malattie a trasmissione sessuale, tubercolosi polmonari o altre malattie infettive".

Il Consiglio di Stato, massima autorità del governo, ha rimosso il divieto per persone con Aids, Hiv e lebbra, lasciando comunque alle autorità di frontiera la facoltà di decidere quali siano le malattie che possano portare al rifiuto del visto d'ingresso.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Manifestazione organizzata per ricordare l'Aids nella provincia dello Shanxi, foto d'archivio. REUTERS/Stringer</p>