In Asia un giornale dedicato alle donne moderne e musulmane

giovedì 22 aprile 2010 12:24
 

di Miral Fahmy

SINGAPORE (Reuters) - Sulla copertina c'è un bellissimo modello, il titolo provocante di un articolo sul sesso e uno sulla diffusione del costume da bagno, ma ciò che rende davvero speciale un nuovo magazine femminile asiatico è il pubblico cui si rivolge: eleganti e moderne donne islamiche.

"Aquila", che in arabo vuol dire sensibile e intelligente, è stato lanciato lo scorso mese dall'editrice Liana Rosnita Redwan-Beer come il primo giornale dedicato alle donne islamiche giovani e istruite, con una linea mondana che vuole anche rimanere coerente alla loro fede.

"Questo è un giornale per qualcuno come me, come le mie sorelle, donne in carriera, in tailleur, jeans, sandali, che possono indossare o meno il velo, che possono avere o meno l'aspetto che si pensa dovrebbe avere una donna islamica, ma che sono islamiche davvero", ha detto Redwan-Beer, originaria di Singapore ma che vive in Indonesia, la più popolosa nazione islamica al mondo.

Sebbene siano molte le pubblicazioni per donne in Medio Oriente e Asia, Aquila è l'unico con questo target: "Non siamo un giornale che predica, non diciamo alle nostre lettrici cosa sia giusto e cosa no, ma le aiutiamo a vivere le loro vite al meglio dando loro informazioni sull'Islam nel contesto del vivere moderno", ha dichiarato alla Reuters Redwan-Beer .

L'editrice ha lanciato Aquila a marzo in Malesia, Indonesia, Brunei e Singapore, dopo aver constatato che non esisteva niente del genere in Asia o in Europa. Il giornale per ora ha avuto una buona accoglienza di pubblico.

"Non credo che ancora andremo a ruba - ha detto - ma in quanto compagnia crossmediale, lavoriamo con un database di più di 10mila persone islamiche agiate e influenti nella regione, e stiamo andando bene online, con dei commenti sulla nostra pagina Facebook che sono arrivati da Svizzera, Guatemala, Indonesia e Singapore".

Il giornale non accetta pubblicità da mercati considerati "haram", o illeciti, come le società che producono vino e birra, mentre gli articoli di viaggio includono una lista di ristoranti halal e di moschee.

Nonostante la consulenza del giornale sia affidata ad una guida religiosa musulmana di Singapore, il giornale potrebbe comunque sollevare perplessità tra i musulmani tradizionalisti, per l'immagine di una modella molto truccata, con il velo che lascia visibili molti capelli, o con un articolo sul burquini e un altro sui rapporti prematrimoniali e la verginità.

Redwan-Beer sottolinea però che sui giornali per donne in circolazione appare questo e molto di più: "Stiamo solo cercando di venire incontro alle esigenze delle donne musulmane".

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Una modella durante l'Arabian Fashion World a Londra REUTERS/Andrew Parsons</p>