April 21, 2010 / 11:16 AM / 7 years ago

Pedofilia, il Papa promette di intervenire attivamente

4 IN. DI LETTURA

<p>Papa Benedetto XVI in foto d'archivio.Tony Gentile</p>

di Philip Pullella

CITTA' DEL VATICANO (Reuters) - Papa Benedetto si è riferito espressamente, per la prima volta dopo oltre un mese, allo scandalo degli abusi sessuali commessi da esponenti della Chiesa Cattolica, ricordando come si sia personalmente impegnato con le vittime maltesi degli abusi.

Parlando ai pellegrini e ai turisti durante l'udienza generale settimanale, Benedetto ha raccontato sinteticamente il suo viaggio a Malta e la sua volontà di incontrare le vittime degli abusi.

"Ho condiviso con loro la sofferenza e con commozione ho pregato con loro, assicurando l'intervento della Chiesa", ha detto il Papa.

Dal 17 marzo il Papa non parlava esplicitamente dello scandalo, riferendosi alla crisi della Chiesa ricorrendo a espressioni generiche.

Secondo le dichiarazioni di domenica scorsa il Papa, invece, farebbe "tutto il possibile per analizzare le accuse, per giudicare le persone responsabili degli abusi e per mettere in pratica delle misure che possano salvaguardare nel futuro i giovani". Il discorso di oggi ha rievocato l'incontro di domenica scorsa con otto uomini che avevano subito violenza in istituti religiosi maltesi, ribadendone contenuti e toni.

Quello di oggi è una delle dichiarazioni più chiare e decise del Vaticano, richiedendo la collaborazione dei vescovi locali a cooperare con le autorità civili per processare i preti che hanno commesso le violenze sui minori.

Centinaia Di Casi

Centinaia di casi di abusi fisici e sessuali su minori nei passati decenni, commessi da esponenti della Chiesa, sono emersi recentemente in Europa e negli Stati Uniti, incoraggiando le vittime rimaste a lungo in silenzio a parlare e rendere pubbliche le proprie rimostranze.

Anche il Papa tedesco è stato accusato di aver chiuso un occhio nel 1980, quando era arcivescovo di Monaco, sul caso di un prete obbligato a sottoporsi a sedute di psicanalisi ma presto riammesso ai compiti sacerdotali, pur avendo abusato dei bambini.

Il Vaticano ha detto che un sottoposto aveva preso la decisione.

Dopo i festeggiamenti di lunedì per il quinto anno di pontificato, il Vaticano rimane comunque in crisi, con uno scandalo potenzialmente esplosivo per tutto il mondo cattolico.

Il cardinale Dario Castrillon Hoyos, ex funzionario vaticano che manifestò apprezzamento per un vescovo francese che aveva nascosto nel 2001 il caso di un prete che aveva commesso abusi su minori, ha affermato durante una conferenza tenuta in Spagna settimana scorsa di aver agito con l'approvazione di Papa Giovanni Paolo.

La settimana scorsa il portavoce del Vaticano ha confermato indirettamente che una lettera scritta nel 2001 da Castrillon Hoyos al vescovo francese Pierre Pican e poi pubblicata su un sito web francese era autentica, confermando che il Vaticano stava già allora cercando di rivedere e rafforzare le procedure per i casi di abusi sessuali.

Negli Stati Uniti, un'organizzazione di persone abusate dai preti (Snap), ha chiesto all'arcivescovato di Washington Dc di annullare l'invito a Castrillion Hoyos, che avrebbe dovuto partecipare e condurre la festa per il sesto anno di pontificato di Benedetto che si terrà nella capitale americana il prossimo fine settimana.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below