Chip, Samsung risponde ad accuse su morti bianche

giovedì 15 aprile 2010 13:58
 

di Miyoung Kim

LIHEUNG, Corea del Sud (Reuters) - Samsung Electronics, leader mondiale nella produzione di chip di memoria, ha detto che presenterà una pubblicazione indipendente, in risposta alle notizie secondo cui molti suoi impiegati si sarebbero ammalati di cancro stando a contatto con materiali tossici durante il ciclo di produzione.

La società sud-coreana ha subito la pressione di diversi gruppi organizzati perché riconoscesse la propria responsabilità riguardo i casi avvenuti tra il 1998 e il 2010, con 22 dipendenti che hanno contratto la leucemia.

Un'indagine governativa, condotta nel 2007 e nel 2008, non ha riscontrato anomalie negli impianti di produzione Samsung.

"Siamo profondamente rammaricati per la perdita dei nostri amati... e abbiamo partecipato attivamente alle indagini epidemiologiche, che non hanno riscontrato radiazioni", ha dichiarato alla Reuters Cho Soo-in, presidente del settore memorie della società, sostenendo che le voci su una possibile implicazione della società andavano smentite prima.

"Faremo del nostro meglio d'ora in poi per migliorare l'ambiente lavorativo e comunicare meglio".

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Logo della Samsung in foto d'archivio. REUTERS/Truth Leem</p>