7 aprile 2010 / 14:46 / 8 anni fa

Aereo a energia solare sorvola la Svizzera

<p>7 aprile 2010, il Solar Impulse mentre vola sopra Payerne, Svizzera. REUTERS/POOL/Fabrice Coffrini</p>

PAYERNE, Svizzera (Reuters) - Un aereo ad energia solare progettato per volare giorno e notte senza produrre alcuna emissione ha portato a termine oggi con successo il suo primo volo sui cieli della Svizzera.

Il Solar Impulse, con 12 mila cellule fotovoltaiche installate sulle ali, è il prototipo di un aeroplano che secondo i programmi compirà il giro del mondo senza carburante nel 2012.

Il velivolo è planato per 87 minuti sopra la Svizzera occidentale a un‘altitudine di 1.200 metri con il pilota tedesco Markus Schrdel ai controlli.

“Ogni cosa è andata come doveva”, ha detto Scherdel alle telecamere della Reuters dopo essere atterrato alla base militare di Payerne.

Ci sono voluti sei anni per costruire l‘aereo in fibra di carbonio, con l‘apertura alare di un Airbus A340 (63.4 metri) e pesa come un‘auto di medie dimensioni (1.600 kg).

Il prototipo ha fatto un “salto da pulce” nel dicembre 2009, percorrendo una distanza di 350 metri un metro sopra la pista di decollo di una base militare vicino Zurigo, per poi essere trasportato a Payerne per il suo volo d‘esordio.

L‘aereo a elica è spinto da quattro motori elettrici e progettato per volare anche di notte, dopo aver immagazzinato energia in batteriw ad altissima efficienza.

Dovrebbe mantenere una velocità media di volo di 70 km orari, raggiungendo un‘altitudine massima di 8,500 metri.

Bertrand Picard, uno dei piloti svizzeri autori del progetto, è noto per aver compiuto per primo il giro del mondo senza fermate in una mongolfiera nel marzo del 1999.

Il copilota, l‘ingegnere svizzero Andre Borschberg, ha descritto il velivolo come “dieci volte più leggero del miglior aliante”.

“Un‘apertura alare così grande a fronte di così poco peso è qualcosa di completamente nuovo nel mondo dell‘aviazione” ha raccontato sul sito dell‘iniziativa, www.solarimpulse.com.

Il budget del progetto, secondo quanto dichiara il portavoce Rachel de Bros, è stato di 100 milioni di franchi svizzeri (94 milioni di dollari), di cui 80 forniti da sponsor, tra cui la Slovy, società di prodotti chimici, la Omega, società svizzera di orologi del gruppo Swatch, e il gruppo bancario Deutsche Bank.

La consulenza tecnica è invece stata affidata al Politecnico federale di Losanna, una dei due centri politecnici universitari in Svizzera.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below