Australia,nave arenata "bomba orologeria" per barriera corallina

lunedì 5 aprile 2010 10:40
 

SYDNEY (Reuters) - Un cargo cinese che sta perdendo carburante in mare nei pressi della Grande barriera corallina australiana costituisce, secondo gli ambientalisti, una bomba a orologeria, potenzialmente in grado di devastare ampie aree protette.

La nave è una "bomba a orologeria ambientale", ha detto a Reuters Gilly Llewellyn, direttrice del dipartimento conservazione del Wwf in Australia.

Llewellyn ha precisato che questo è il terzo grosso incidente internazionale che coinvolge i proprietari del cargo in quattro anni.

Fonti del governo australiano dicono che la nave Shen Neng I appartiene a Shenzhen Energy Group, sussidiaria della società statale cinese China Ocean Shipping Company (Cosco).

Nel 2007 la Cosco fu coinvolta in un incidente con sversamento di carburante nella Baia di San Francisco, mentre l'anno scorso è stata al centro di un episodio analogo in Norvegia. In entrambi i casi ci sono stati danni ambientali rilevanti.

Non è stato possibile contattare rappresentanti di Cosco in Australia oggi.

La Shen Neng I, lunga 230 metri, era diretta in Cina quando si è arenata due giorni fa in una secca. A bordo ha 950 tonnellate di carburante, ed è a rischio rottura.

La Great Barrier Reef è una delle maggiori attrazioni turistiche dell'Australia ed è considerata altamente vulnerabile all'inquinamento.

Gli ambientalisti hanno criticato i regolamenti che non prevedono patenti speciali per navigare nei tortuosi canali della zona e hanno ammonito che i coralli potrebbero andare distrutti da una fuoriuscita di carburante.

Il cargo cinese stava trasportando 65.000 tonnellate di carbone da Gladstone, porto del Queensland. Si trova a 70 chilometri a est di Great Keppel Island, al largo di Rockhampton.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Carburante fuoriesce dal cargo cinese Shen Neng I arenato su una secca in prossimit&agrave; della Grande barriera corallina al largo dell'Australia, 70 chilometri a est di Great Keppel Island. REUTERS/Maritime Safety Queensland/Handout</p>