Una penna che ricorda? Non cadere nella rete del pesce d'aprile

giovedì 1 aprile 2010 11:37
 

SYDNEY (Reuters) - David Beckham con la maglia della nazionale australiana? Una pinzatrice che manda messaggini su Twitter? Deve essere per forza un pesce d'aprile.

Seguendo la tradizione, i media, le aziende, i siti web e altri burloni hanno fatto oggi degli scherzi tra il ridicolo e l'assurdo.

L'azienda di penne australiana Artline ha pubblicizzato sui giornali e sul suo sito un nuovo prodotto per la scrittura che ricorda tutto quello che scrivi.

"Dimentica la paura di perdere la lista della spesa o il foglietto con dei nomi o dei numeri essenziali", dice la pubblicità di Artline. "Puoi scaricare tutto quello che hai scritto".

Il sito web HowStuffWorks.com ha proposto il Twapler, una "pinzatrice che manda automaticamente un messaggio su Twitter via Bluetooth o WiFi descrivendo esattamente cosa sta pinzando in quel momento".

"Se stai mettendo insieme un progetto di ricerca, i moduli per le tasse o le carte del divorzio, il Twapler manderà un messaggio per gli insaziabili di Twitter e per il loro divertimento".

L'emittente australiana Abc ha mandato una parodia di un'intervista di David Beckham nella quale l'ex capitano della squadra inglese di calcio diceva di essere pronto a raggiungere la nazionale australiana, i Socceroos, per aiutare l'allenatore a vincere la Coppa del Mondo in Sudafrica.

Il pesce d'aprile esiste da secoli anche se le sue origini non sono ancora chiare. Una teoria condivisa sostiene che con l'adozione del calendario gregoriano il termine pesce d'aprile si riferisse a coloro che continuavano a seguire il calendario giuliano, calendario solare basato sulle stagioni, in uso in Italia fino al 1582.

La tradizione di molti paesi vuole inoltre che si possano fare gli scherzi prima di mezzogiorno. Se li volessi fare dopo, invece, saresti tu lo zimbello senza memoria.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Donna festeggia il primo d'aprile per le strade di San Francisco, foto d'archivio. REUTERS/Robert Galbraith</p>