Cina, è vivo noto avvocato diritti civili scomparso da un anno

domenica 28 marzo 2010 17:34
 

PECHINO (Reuters) - Il più noto avvocato cinese per i diritti civili, scomparso da un anno e che si temeva fosse morto, sarebbe vivo e si troverebbe in un luogo punto di riferimento buddista nel nord della Cina.

E' quanto emerge da una conversazione telefonica avuta dal legale con Reuters e con un altro suo collega.

Gao Zhisheng, un avvocato cristiano che aveva assunto la difesa di membri del gruppo spirituale Falun Gong, messo fuori legge in Cina, era stato rapito dalla casa di suoi parenti nella provincia di Shanxi il 4 febbraio 2009. Le autorità non erano riuscite a fornire informazioni rilevanti su quel che gli era capitato.

Gao ha detto a Reuters oggi al telefono di esser stato liberato circa sei mesi fa e di trovarsi sul monte Wutai, un luogo sacro buddista nella provincia carbonifera di Shanxi.

"Voglio vivere una vita tranquilla per un po'", ha detto Gao, che è stato in grado di rispondere a delle domande su delle precedenti conversazioni e sui luoghi di precedenti incontri con un giornalista di Reuters,.

Alla domanda se stia programmando di raggiungere la sua famiglia negli Stati Uniti, Gao ha dichiarato: "Non è così facile".

L'uomo sembrava essere sotto qualche sorta di controllo da parte della polizia e non ha voluto fare altre dichiarazioni.

L'avvocato per i diritti umani Li Heping, che aveva avuto molti contatti con Gao prima dell'arresto, ha confermato di avergli parlato al telefono oggi.

"E' certamente lui. Gli ho parlato al telefono. Posso dire che è lui dal modo in cui ha parlato e dal modo in cui ha parlato a me", ha detto Li, aggiungendo che Gao non ha parlato molto delle attuali condizioni in cui vive.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Un'immagine d'archivio dell'avvocato dissidente cinese Gao Zhisheng. REUTERS/Stringer (CHINA) CHINA OUT</p>