E' L'Ora della Terra, il mondo spegne la luce

sabato 27 marzo 2010 14:56
 

SYDNEY (Reuters) - L'Harbour Bridge e l'Opera House di Sydney sono rimasti al buio oggi mentre l'Australia e gli altri paesi del Pacifico occidentale spegnevano le luci per l'iniziativa Earth Hour 2010, un appello all'azione contro il cambiamento climatico.

Il simbolico spegnimento delle luci per un'ora - la prima edizione a Sydney si è tenuta nel 2007 - è diventato un evento annuale internazionale e gli organizzatori del Wwf, il Fondo mondiale per la Natura, prevedono che quest'anno la sua portata sarà ancora più grande.

Le prime a spegnere la luce sono state le Isole Chatham (territorio che fa parte amministrativamente della Nuova Zelanda) alle 20.30 ora locale. Le ultime saranno le Samoa, 24 ore dopo.

Andy Ridley, tra coloro che hanno inventato la manifestazione, ha detto a Reuters che finora hanno aderito 126 tra paesi e territori, con migliaia di eventi speciali in programma.

Assistendo alla manifestazione da una barca nel porto di Sydney, un testimone ha raccontato che la città era al buio già da alcune ore, sotto le nuvole basse e la Luna quasi piena.

Nelle Isole Chatham i generatori diesel che forniscono l'elettricità sono stati spenti.

Tra gli altri paesi che hanno partecipato per primi alla manifestazione, per questioni di fuso orario, ci sono la Nuova Zelanda, le Fiji e Tuvalu, dove è stata anche bloccata la circolazione delle auto.

Il numero dei partecipanti è cresciuto significativamente, rispetto agli 88 del 2009, con 500-700 milioni di persone che presero parte agli eventi.

Secondo Ridley il fallimento dei negoziati sul clima del dicembre 2009 a Copenaghen ha stimolato quest'anno maggior interesse per la manifestazione.   Continua...

 
<p>Una immagine del porto di Sydney, "spento" durante l'adesione all'Earth Hour 2010. REUTERS/Rick Stevens (AUSTRALIA - Tags: ENVIRONMENT CITYSCAPE SOCIETY)</p>