Venezuela, arrestato magnate tv per critiche a Chavez

giovedì 25 marzo 2010 22:04
 

CARACAS (Reuters) - Il capo di una stazione tv a favore dell'opposizione in Venezuela ha detto di essere stato fermato oggi in un aeroporto per aver criticato il governo del presidente Hugo Chavez durante un forum internazionale sui media.

La mossa contro Guillermo Zuloaga, presidente della rete Globovision, segue l'arresto di un politico dell'opposizione all'inizio della settimana e probabilmente alimenterà le critiche secondo cui il governo Chavez sta sempre più soffocando i dissidenti.

Il leader socialista del Venezuela ha detto che non tollererà istigazioni illegali sui media o su Internet, e accusa gli oppositori di fare una campagna contro di lui in vista delle elezioni di settembre.

Zuloaga ha detto al suo canale tv che stava per volare col suo jet privato verso l'isola caraibica di Bonaire da Punto Fijo nella zona occidentale del Venezuela, quando funzionari lo hanno arrestato.

"Non ho intenzione di lasciare il Venezuela. Stavo andando a Bonaire per la settimana di Pasqua", ha spiegato.

Zuloaga, il cui network ha una storia di liti con Chavez, ha parlato in un recente incontro dell'Inter-american press association (Iapa) ad Aruba di quelle che ha definito restrizioni sui diritti civili in Venezuela.

"Non puoi parlare di libertà di espressione in un paese quando il governo usa la forza per chiudere i media", ha detto, secondo una versione dei suoi commenti riportate dai media di stato.

"Il presidente Chavez ha vinto le elezioni, ma si è focalizzato sull'essere il presidente di un gruppo di venezuelani e sta provando a dividere cittadini".

L'Assemblea nazionale, che è dominata da sostenitori di Chavez, ha chiesto questa settimana che Zuloaga sia indagato per accuse "false e gravi" contro Chavez , che secondo i parlamentari hanno danneggiato la reputazione del governo.

Il ministro della Giustazia Luisa Ortega Diaz ha confermato oggi che le autorità stanno andando avanti con l'indagine.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia