Adolescenti, per studio più propensi al rischio

giovedì 25 marzo 2010 12:21
 

LONDRA (Reuters) - Gli adolescenti sono maggiormente propensi ai rischi perché traggono più piacere dalle emozioni rispetto agli altri, lo hanno detto ieri alcuni scienziati britannici.

I risultati possono spiegare perché gli adolescenti sono più avvezzi a droghe, zuffe e sesso non protetto.

"L'inizio dell'adolescenza comporta un aumento esponenziale delle attività rischiose, come la guida spericolata ...e l'inattività fisica", ha detto Sarah-Jayne Blakemore dell'Istituto di neuroscienze cognitive dell'University College London.

Blakemore aggiunge che questi comportamenti contribuiscono al cosiddetto "paradosso della salute" dell'adolescenza, in cui il momento di massima salute coincide con alti rischi per la salute e alti tassi di mortalità.

I ricercatori, il cui lavoro è stato pubblicato sulla rivista Cognitive Development, ha considerato 86 persone e ragazzi tra i nove e i 35 anni, sottoponendoli a dei giochi al computer in cui dovevano compiere delle scelte per guadagnare dei punti.

I ricercatori hanno misurato le risposte emotive dei giocatori registrando la soddisfazione raggiunta dalle persone dopo ogni turno di gioco.

I risultati hanno rilevato che all'inizio dell'adolescenza c'è un aumento sensibile della soddisfazione derivante dalla vittoria in situazioni complesse. Rispetto ai più piccoli, inoltre, gli adolescenti hanno una maggiore consapevolezza dei pro e dei contro delle loro attività.

"Capire perché gli adolescenti si espongano a questi rischi è importante per l'intervento pubblico e per le famiglie", ha aggiunto Blakemore.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Studenti si scontrano con la polizia, foto d'archivio. REUTERS/Jaime Saldarriaga</p>