Cina, tempesta di sabbia e Pechino diventa gialla

sabato 20 marzo 2010 11:16
 

PECHINO (Reuters) - Tonnellate di sabbia provenienti dai deserti della Cina interna si sono riversate su Pechino, stendendo un manto giallo-arancione sugli edifici della capitale e rendendo l'aria "pericolosa", come hanno detto le autorità.

Poche persone indugiano oggi per le strade, dove si respira la polvere. Tanta gente è uscita di casa con una mascherina sulla bocca, lasciando le proprie impronte sul marciapiede ricoperto da una sottile pellicola gialla.

Le autorità hanno detto che la qualità dell'aria è di livello "5", ovvero pericolosa, e hanno sconsigliato di fare all'aperto "gli esercizi del mattino". Di soliti i parchi e gli spazi aperti sono affollati di pechinesi che fanno arti marziali, muovono passi di danza o si dilettano in altre attività.

Le tempeste di sabbia sono una riprova del degrado ambientale che gli investitori considerano uno degli ostacoli a lungo termine più pericolosi per la crescita della Cina, e che hanno indotto Pechino a puntare meno ad un modello di crescita ad alto impiego di risorse produttive.

Il governo ha speso milioni di dollari in progetti volti a frenare l'avanzata dei deserti, piantumando alberi e cercando di proteggere le zone boschive nelle regioni più periferiche del paese.

La tempesta di sabbia si è abbattuta sulla capitale verso mezzanotte, con un fronte diretto a sudest, come ha detto l'agenzia di stampa ufficiale Xinhua. Nel nord della Cina i venti hanno raggiunto i 100 chilometri orari.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Piazza Tiananmen oggi nel corso della tempesta di sabbia. REUTERS/Grace Liang (CHINA - Tags: ENVIRONMENT IMAGES OF THE DAY)</p>