Formula Uno, Briatore a stampa: escludo al 100% un mio ritorno

venerdì 12 marzo 2010 12:01
 

MILANO (Reuters) - Flavio Briatore non ritornerà più in Formula Uno nonostante la revoca della radiazione. Lo ha detto lui stesso in un'intervista a un quotidiano pubblicata oggi.

L'ex capo della Renault era stato sanzionato dalla Federazione Internazionale dell'Automobile a settembre dopo le accuse relative al finto incidente di Nelson Piquet nel Gran premio di Singapore del 2008, ma un tribunale di Parigi ha revocato la squalifica a vita lo scorso gennaio.

"Un ritorno in Formula Uno, magari come proprietario? Lo escludo al 100%", ha detto Briatore in un'intervista alla Gazzetta dello Sport.

"Resto affezionato alla Formula Uno, anche se sarebbe stato più giusto se l'avessi lasciata a fine 2006, dopo il secondo titolo di Alonso", ha aggiunto Briatore.

Il manager italiano, che ha detto di attendersi in un paio di mesi la decisione sull'appello chiesto dalla federazione contro la sospensione della sua sanzione, ha fatto l'in bocca al lupo al suo antico protetto, Michael Schumacher, aggiungendo però di essere scettico sul ritorno dei grandi dello sport.

"Avrà vita dura già con il compagno di squadra Rosberg. Io sui ritorni dei grandi dello sport sono scettico. Non sarà facile per Michael, però è bastato l'annuncio per rivitalizzare questa Formula Uno addormentata".

Briatore, poi, elegge Ferrari, McLaren, Mercedes e Red Bull come scuderie favorite per la vittoria del campionato di Formula Uno che comincerà domenica in Bahrein, con ben quattro campioni del mondo al via.

"Sento spesso Alonso - ha detto l'ex manager dello spagnolo - e mi dice che la Ferrari è a posto e si trova bene con la squadra. I piloti più bravi del momento? Alonso e Hamilton. Poi c'è Massa che deve acquisire consistenza. Ma è velocissimo".

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Flavio Briatore ai tempi in cui dirigeva il team di Formula Uno della Renault. REUTERS/Johannes Eisele</p>