Pedofilia, abusi in coro tedesco che fu diretto da fratello Papa

venerdì 5 marzo 2010 17:58
 

BERLINO (Reuters) - Tra il 1958 e il 1973, nel coro diretto al tempo dal fratello di Papa Benedetto XVI, si sono verificati numerosi episodi di abusi sessuali da parte di vescovi nei confronti di minori. Lo ha fatto sapere oggi la diocesi di Ratisbona.

Il reverendo Georg Ratzinger, che ha guidato il coro dal 1964 al 1994, ha detto ad una radio bavarese di non sapere nulla di questi episodi, solo gli ultimi di una serie che ha danneggiato l'immagine della Chiesa in Germania.

Papa Benedetto XVI, all'epoca cardinale, ha insegnato teologia all'università di Ratisbona dal 1969 al 1977.

La diocesi ha fatto sapere che un vescovo ha abusato sessualmente di due ragazzi nel 1958 ed è stato successivamente condannato a due anni di carcere. Un altro religioso, invece, è stato condannato a 11 mesi di detenzione per abusi nel 1971.

Tre uomini, secondo quanto riferiscono i vescovi, hanno dichiarato di aver subito abusi sessuali nei primi anni 60 -- oltre ad umiliazioni ed eccessive punizioni corporali -- da diversi insegnanti, nel periodo in cui frequentavano il convitto.

Il "Regensburger Domspatzen" è il coro ufficiale della diocesi dall'anno 975 e si esibisce, oltre che nella cattedrale, anche in altri tour in Germania e all'estero.

La diocesi, senza fornire un numero preciso, ha fatto sapere che diverse persone si sono fatte avanti con accuse di abusi sessuali dopo che i media hanno riferito di altri casi in Germania.

La diocesi di Ratisbona ha, tra l'altro, ingaggiato un avvocato per indagare su possibili altri episodi del passato ed identificare altre vittime, oltre ad aver allestito nel 2008 un gruppo di esperti, formato da cinque persone, che possano assistere coloro che hanno subito abusi sessuali.

"Gli abusi sessuali sono contrari alla missione della Chiesa...Le persone con fissazioni pedofile non possono più essere al servizio della Chiesa", hanno fatto sapere i vescovi di Ratisbona in un comunicato.

L'arcivescovo Robert Zollitsch, capo della Conferenza episcopale tedesca, si è scusato lo scorso mese per gli oltre 100 casi di abusi su minori che hanno visto coinvolti i collegi gesuiti in tutta la Germania.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Georg Ratzinger in una foto d'archivio. REUTERS/Michaela Rehle</p>