Olimpiadi 2020, Roma presenta "progetto condiviso e fattibile"

venerdì 5 marzo 2010 21:14
 

di Daniele Mari

ROMA (Reuters) - Un programma fattibile, realistico e finanziabile, che deve agire da acceleratore di progetti e da catalizzatore di risorse per una città che sta già compiendo un suo percorso. E' stato presentato così, questa mattina all'Auditorium Parco della Musica, il progetto per la candidatura di Roma per ospitare i Giochi Olimpici e Paralimpici del 2020.

"Intorno alla candidatura di Roma si è creato un consenso ed un'unità di intenti mai registrati prima - ha detto il sindaco della Capitale Gianni Alemanno -, neanche per Rio de Janeiro si era creato un tale consenso. L'88% dei romani vuole le Olimpiadi, e noi non ci sottrarremo a questo impegno. Se qualcuno lo farà dovrà rispondere a questo 88%".

Il progetto olimpico presentato questa mattina si basa, hanno spiegato i membri del tavolo tecnico e lo stesso sindaco, su una vasta riqualificazione urbanistica e ambientale. Il budget per la candidatura è di 42 milioni di euro, simile a quello messo a disposizione per Londra 2012 e per Rio 2016, mentre gli investimenti previsti in caso di elezione superano il miliardo e 900 milioni di euro, con un volano di 13 miliardi di euro.

Tra i progetti annunciati questa mattina spicca la costruzione del Parco Fluviale, definito la "spina dorsale del Sistema Olimpico": circa 12 chilometri di corso d'acqua resa navigabile, con approdi che mettono in relazione le aree di Saxa Rubra, Salaria, Grottarossa, Tor di Quinto e Acquacetosa.

La candidatura olimpica di Roma si basa sull'utilizzo di due poli cittadini. Il cuore sarà il Parco Olimpico -- che coprirà le zone di Saxa Rubra, Tor di Quinto, Acquacetosa, Flaminio, Foro Italico e Aeroporto dell'Urbe -- dove si muoverà il 50% degli atleti (attesi in circa 18.000) e degli spettatori.

L'altra area utilizzata, invece, si trova nella zona sud-occidentale della città, con lo sfruttamento dei padiglioni della Fiera di Roma e la costruzione di due nuovi palazzetti dello sport, uno polivalente e uno per il nuoto, a Tor Vergata.

"Roma si è già dimostrata in grado di ospitare eventi internazionali importantissimi e deve ora lanciare un messaggio importante", ha detto il sindaco durante la cerimonia di presentazione. "Deve chiamare intorno al Tevere tutta l'Italia per uscire dal declino e tutti i popoli della Terra per dimostrare che è possibile una globalizzazione dal volto umano. Dobbiamo rafforzare un concetto che c'è già, e cioè che Roma ha ancora qualcosa di importante da dire al mondo", ha detto Alemanno.

LA SFIDA A VENEZIA E AL MONDO   Continua...

 
<p>Colosseo in foto d'archivio. REUTERS/Alessia Pierdomenico</p>