Iran arresta regista Panahi, dice sito opposizione

martedì 2 marzo 2010 18:49
 

TEHERAN (Reuters) - Le forze di sicurezza iraniane hanno arrestato il regista Jafar Panahi, vincitore di numerosi premi internazionali e sostenitore del leader dell'opposizione Mirhossein Mousavi. Lo ha riferito un sito web dell'opposizione.

Il pubblico ministero di Teheran ha confermato l'arresto di Panahi ma ha detto che non è legato a motivazioni di natura politica, riporta l'agenzia di stampa Isna.

Panahi è stato arrestato ieri sera mentre era a casa con la moglie, la figlia e 15 ospiti, secondo quanto riporta il sito Kaleme, vicino al leader dell'opposizione Mirhossein Mousavi.

La casa del regista, che ha appoggiato Mousavi nelle contestate elezioni presidenziali dello scorso giugno, è stata poi perquisita e alcuni dei suoi beni sono stati sequestrati.

Il pubblico ministero Abbas Jafari Dolatabadi ha fatto sapere che all'origine dell'arresto non ci sono né ragioni politiche né motivazioni legate al lavoro di Panahi.

"L'arresto di Jafar Panahi non ha motivazioni legate alla politica o al fatto che lui sia un artista", ha detto Dolatabadi, secondo quanto riportato dall'agenzia Isna.

"E' sospettato di aver commesso...qualche crimine e il suo arresto è stato eseguito su ordine del giudice, insieme a quello di un'altra persona. Le indagini del caso sono ancora in corso", ha detto il pm, senza aggiungere ulteriori dettagli.

Lo scorso mese, gli organizzatori del festival di Berlino avevano fatto sapere che l'Iran aveva impedito a Panahi di recarsi in Germania per partecipare alla kermesse.

Il regista iraniano, nella sua carriera, ha vinto diversi premi tra i quali anche il Leone d'Oro a Venezia nel 2000 con il film "Il cerchio".

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Il regista iraniano Jafar Panahi con l'Orso d'argento in una foto del 2006, in occasione del 56esimo Festival del cinema di Berlino. REUTERS Pictures</p>