Gb, studio: ragazzi sovraesposti a stimoli sessuali

venerdì 26 febbraio 2010 14:52
 

LONDRA (Reuters) - Le riviste femminili dovrebbero essere vendute solo a persone oltre i 15 anni mentre i video musicali con pose sensuali non dovrebbero essere mostrati fino a tarda sera per aiutare a combattere la "sessualizzazione" dei ragazzi.

E' quanto sostiene un rapporto commissionato dal governo britannico, aggiugendo che anche i videogiochi e i cellulari dovrebbero essere venduti sotto il controllo dei genitori.

L'autrice del rapporto, Linda Papadopoulos, spiega che bambini e adolescenti, esposti ad una crescente quantità di "immagini con una forte connotazione sessuale", sentono sempre più la pressione di apparire "attraente" e "sexy".

"Così succede che sono obbligati a subire pressioni non esistenti tra le generazioni precedenti", dice il rapporto.

Le immagini sempre più sessuali imposte nelle campagne pubblicitarie e nelle comunicazioni esercitano un impatto sulla "salute fisica e mentale, sugli atteggiamenti", portando alcuni ragazzi a problemi di autostima e talvolta a disordini alimentari.

Il rapporto, parte della strategia per limitare le violenze sulle donne voluta dal governo britannico, arriva dopo le dichiarazioni di alcuni esponenti dell'opposizione parlamentare, motivati ad intraprendere azioni legali contro le aziende colpevoli di "sessualizzare" i giovani.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Tre ragazze in metropolitana a Londra. REUTERS/Kevin Coombs (BRITAIN)</p>