Biotestamento, Camera vota stop alimentazione "se non efficace"

martedì 23 febbraio 2010 16:00
 

ROMA (Reuters) - La Commissione Affari sociali della Camera ha approvato un emendamento al disegno di legge sul testamento biologico, già approvato dal Senato sull'onda del caso di Eluana Englaro, che prevede un'eccezione all'obbligo di alimentazione artificiale.

L'emendamento del relatore Domenico Di Virgilio (Pdl), al quale ha votato contro l'opposizione, modifica il comma 5 articolo 3 della legge in uno dei punti più controversi, quello dedicato all'alimentazione e all'idratazione artificiale.

Il nuovo testo prevede che queste due pratiche "devono essere mantenute fino al termine della vita a eccezione dei casi in cui le medesime risultino non più efficaci nel fornire al paziente i fattori nutrizionali necessari alle funzioni fisiologiche essenziali del corpo".

Il relatore non ha però modificato la norma più contestata della legge, quella secondo cui l'alimentazione forzata non può essere oggetto di dichiarazione anticipata di trattamento.

L'impossibilità di decidere se accettare l'alimentazione artificiale nel fine vita è stata votata dal Senato subito dopo la morte di Eluana Englaro, la donna che ha vissuto in stato vegetativo per 17 anni, fino alla morte sopraggiunta a seguito dell'interruzione della nutrizione artificiale, come disposto dal padre con l'avallo della magistratura.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Parlamentare legge giornale con, in prima pagina, un articolo su Eluana Englaro. Foto d'archivio. REUTERS/Alessandro Bianchi</p>