Olimpiadi, in migliaia ai funerali dello slittinista georgiano

sabato 20 febbraio 2010 14:51
 

di Nino Ivanishvili

BAKURIANI, Georgia (Reuters) - Lo slittinista georgiano Nodar Kumaritashvili è stato sepolto oggi davanti a migliaia di persone nella sua cittadina, coperta dalla neve, mentre va avanti il dibattito sulla sicurezza del tracciato su cui ha perso la vita alle Olimpiadi di Vancouver.

La bara aperta con l'atleta 21enne, avvolto nella bandiera rossa e bianca della Georgia, è stata portata in corteo per la cittadina e seppellita nel cimitero della chiesa locale una settimana dopo che l'atleta è morto dopo aver perso il controllo del suo slittino schiantandosi contro un pilastro a 145 chilometri orari.

Migliaia di persone con le bandiere della Georgia si sono raccolte a Bakuriani, località turistica invernale a 180 chilometri a ovest della capitale Tbilisi.

Era presente anche il presidente georgiano Mikheil Saakashvili, con indosso la giacca olimpica della nazionale georgiana.

"E' morto per la Georgia, è morto per questo sport", ha detto ai giornalisti il padre dell'atleta, David Kumaritashvili, lui stesso ex slittinista.

La morte di Kumaritashvili durante un allenamento alcune ore prima della cerimonia di apertura delle Olimpiadi invernali ha dato il via a un dibattito sulla sicurezza del circuito costato 100 milioni di dollari per essere il più veloce del mondo.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>David Kumaritashvili con la foto del figlio Nodar, lo slittinista georgiano morto durante un allenamento alle Olimpiadi di Vancouver. REUTERS/David Mdzinarishvili</p>