Usa: gli avvocati i professionisti più pericolosi al volante

giovedì 18 febbraio 2010 09:17
 

NEW YORK (Reuters) - Avvocati e giudici sapranno anche destreggiarsi con i cavilli di legge ma non sembrano altrettanto a loro agio con le regole del codice della strada, visto che negli Stati Uniti figurano in cima alla classifica per professione dei guidatori più pericolosi.

Uno studio delle assicurazioni online americane insurance.com ha rilevato che il 44% degli avvocati denuncia al momento di cercare un'assicurazione per l'auto di avere commesso un incidente.

Lo studio prende in esame le percentuale di segnalazioni di incidenti del passato nei formulari in cui ai guidatori viene richiesto di compilare i propri precedenti al volante.

Secondi nella graduatoria sono i professionisti della finanza seguiti dai dipendenti governativi, mentre lo studio rileva che i meno pericolosi risultano essere gli atleti, con appena il 17% di incidenti in passato, e le casalinghe col 24%.

"Le professioni che richiedono di essere multifunzionali, stando al telefono, muovendosi velocemente e con scadenze incalzanti sono quelle che provocano maggiori distrazioni e quindi più incidenti", ha detto Sam Belden, vicepresidente di insurance.com in una dichiarazione.

"Anche quello di casalinga è un mestiere che richiede di essere multifunzionale, spesso si portano in giro in auto i bambini e quando i bambini sono coinvolti, le persone tendono ad andare più piano e ad essere più prudenti", ha aggiunto, precisando che casalinghe e atleti tendono anche a non essere sulle strade nelle ore di punta.

Ecco la lista delle dieci categorie professionali risultate più pericolose al volante.

1) avvocati e giudici, 2) professionisti della finanza, 3) dipendenti governativi, 4) baristi e camerieri, 5) uomini d'affari, 6) titolari di saloni per cani, 7) professionisti di marketing e pubblicitari, 8) barbieri e stilisti, 9) allenatori, 10) infermieri.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Macchina incidentata in foto d'archivio. REUTERS/Alberto family/Handout</p>