Film spiega che la mafia si può vincere anche facendo la spesa

mercoledì 17 febbraio 2010 14:26
 

di Massimiliano Di Giorgio

ROMA (Reuters) - L'agricoltura biologica può diventare uno strumento per la lotta alla mafia in Sicilia, come la ricotta "pizzo free", senza che per produrla sia stata pagata la "protezione" della criminalità organizzata.

E anche vivendo sotto scorta si può fare informazione libera, in tv, a Partinico, in terra mafiosa.

Sono alcune delle vicende che racconta "Storie di resistenza quotidiana", un documentario realizzato da un regista romano e da una scrittrice palermitana e dedicato a un altro aspetto, forse meno noto, della lotta alla mafia. Non quello delle operazioni di polizia, ma delle iniziative antimafia condotte da gruppi di cittadini, imprenditori e giornalisti in Sicilia.

"Storie", che Reuters ha potuto vedere in anteprima, è stato girato tra Palermo e alcune zone dell'Alto Belice in tecnologia Hd, nel corso di oltre un anno di lavoro da Paolo Maselli, regista e montatore 45enne, e dalla scrittrice 40enne Daniela Gambino.

Il documentario è composto in gran parte di interviste, e l'atmosfera che lo pervade è il contrario di quella che si potrebbe attendere da un'opera sulla mafia. Più che la tensione, infatti, prevale l'ottimismo di chi pensa in fondo che "un'altra Sicilia è possibile", soprattutto se si comincia a considerare il lavoro come il più efficace strumento di resistenza al regime mafioso.

Ecco dunque che sui terreni confiscati alla mafia sorgono le cooperative di "Libera terra", che hanno scoperto nell'agricoltura biologica una nicchia economica importante.

Ecco il marchio "pizzo free" -- che ricorda quello "Ogm free" -- lanciato dai giovani che hanno promosso una clamorosa azione mediatica contro le tangenti pagate ai mafiosi, iniziando a mobilitare i cittadini-consumatori, in nome dello slogan "Un popolo che non paga il pizzo è un popolo libero". Con tanto di botteghe che stanno spuntando in tutt'Italia, sulla falsariga dei negozi di prodotti equo e solidale, o sugli scaffali dei supermercati Coop.

Oppure, c'è la storia dell'impresa di latticini, in parte controllata da un boss mafioso, che ha rischiato la chiusura, ma che grazie a commissari liquidatori "illuminati" è riuscita a non licenziare alcun dipendente e a migliorare la produzione.   Continua...

 
<p>Melanzane in foto d'archivio. REUTERS/Punit Paranjpe</p>