Navigatore ecologista da Bangladesh a Francia su barca di iuta

mercoledì 17 febbraio 2010 11:27
 

SAVAR, Bangladesh (Reuters) - Un francese sta navigando verso casa dal Bangladesh in una barca fatta in iuta a basso impatto ecologico ma anche conveniente per il portafoglio, nel tentativo di destare interesse per questa fibra naturale, fino a poco tempo fa pilastro dell'economia del paese asiatico.

Il viaggio di Coretin de Chatelperron nella sua piccola barca in iuta e vetroresina lo porterà ad attraversare, tra l'altro, il Golfo del Bengala e l'Oceano Indiano. Il viaggiatore si aspetta di raggiungere Parigi entro metà agosto.

L'imbarcazione del 26enne è stata ideata dall'architetto navale francese Marc Van Petenghem e realizzata nei pressi di Dacca.

Il progetto, finanziato da organizzazioni non governative e da uomini d'affari, spera di promuovere la iuta che, grazie al costo di produzione ridotto, può competere anche con le fibre sintetiche, dannose per l'ambiente.

"E' senza dubbio un'avventura molto dura. Ma ho uno scopo: voglio promuovere questa eccezionale tipologia d'imbarcazione", ha detto Chatelperron al gruppo di ambientalisti, diplomatici e simpatizzanti che lo hanno visto partire la scorsa domenica.

Si ritiene che la iuta sia una dei tessuti più convenienti, per produzione è seconda soltanto al cotone.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Persone lavorano la iuta in India. Foto d'archivio. REUTERS/Rupak De Chowdhuri</p>