Pedofilia, Papa: crimine odioso, agire con determinazione

martedì 16 febbraio 2010 17:01
 

CITTA' DEL VATICANO (Reuters) - Papa Benedetto XVI ha detto ai vescovi irlandesi, parlando dello scandalo sulla pedofilia che ha scosso la Chiesa cattolica, che l'abuso sessuale sui bambini da parte di sacerdoti è un "crimine abominevole" che deve essere affrontato con determinazione, fa sapere il Vaticano.

In un comunicato diffuso al termine di due giorni di colloqui, il Vaticano ha anche fatto sapere che i vescovi irlandesi hanno promesso al Santo Padre di cooperare con le autorità civili sulle indagini riguardanti questo scandalo.

"Il Santo Padre ha osservato che l'abuso sessuale sui bambini e i giovani non è solo un crimine odioso ma anche un peccato grave che offende Dio e ferisce la dignità della persona umana creata a sua immagine".

Papa Benedetto XVI, i 24 vescovi irlandesi e gli alti funzionari vaticani si sono incontrati dopo lo scandalo emerso in Irlanda in seguito al Rapporto Murphy, dove si condannano gli abusi contro i bambini perpetrati da alcuni preti cattolici in Irlanda.

Nel rapporto, pubblicato a novembre, si sostiene che la Chiesa abbia nascosto "in maniera ossessiva" questi abusi sui bambini, perpetrati nell'arcidiocesi di Dublino dal 1975 al 2004, e abbia messo in atto una politica del "non chiedere e non dire".

I colloqui, i primi di questo tipo in Vaticano in otto anni, sono serviti per mettere a punto un piano di azione e potrebbero portare ad altre dimissioni all'interno della gerarchia ecclesiastica irlandese. Quattro prelati, per altro, si sono già dimessi.

"Mentre ci rendiamo conto che l'attuale situazione dolorosa non sarà risolta rapidamente, (il Papa) ha sfidato i vescovi ad affrontare i problemi del passato con determinazione e risolutezza, e ad affrontare la crisi presente con onestà e coraggio", ha aggiunto il comunicato.

I vescovi "hanno anche enfatizzato il loro impegno alla collaborazione con le autorità civili in Irlanda - del Nord e del Sud - e con il Comitato nazionale per la salvaguardia dei bambini nella Chiesa cattolica in Irlanda per garantire che gli standard, le politiche e le procedure della Chiesa rappresentino la migliore pratica in quest'area", si legge nella nota.

Il rapporto Murphy sostiene che tutti i vescovi di Dublino fossero a conoscenza di alcune denunce, ma che fossero più preoccupati di proteggere la reputazione dell'arcidiocesi che di salvaguardare i bambini.

Quattro vescovi hanno già rassegnato le loro dimissioni, e il Papa le ha già accettate in uno dei casi. Il gruppo "One in Four", del quale fanno parte alcune vittime, ha già fatto un appello ai vescovi irlandesi coinvolti in questa "cultura di omertà", chiedendo loro di rassegnare le proprie dimissioni.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Papa Benedetto XVI oggi in Vaticano con i vescovi irlandesi. REUTERS/Osservatore Romano (VATICAN - Tags: RELIGION)</p>