Ambientalisti all'arrembaggio di baleniera giapponese

lunedì 15 febbraio 2010 10:23
 

SYDNEY (Reuters) - Un ambientalista neozelandese, la cui imbarcazione è affondata il mese scorso dopo la collisione con una baleniera giapponese, è riuscito oggi ad abbordare un'altra imbarcazione del Sol Levante nell'Oceano meridionale, nel tentativo di bloccarla.

Lo ha annunciato il gruppo ambientalista Sea Shepherd Conservation Society.

A bordo di una moto acquatica Pete Bethune è riuscito a salire sulla Shonan Maru 2 prima dell'alba, ha annunciato il gruppo.

"Capitan Bethune ha abbordato una nave di sicurezza della flotta di baleniere giapponesi ad alta velocità nel buio totale, ha aggirato i punteruoli e le reti anti-arrembaggio e si è presentato a bordo", ha detto il capo di Sea Shepherd, Paul Watson, in un comunicato.

Nel 2008, due attivisti del gruppo riuscirono ad abbordare una baleniera giapponese e furono trattenuti dall'equipaggio finché un pattugliatore australiano intervenne e li prese a bordo.

Gli scontri tra le baleniere giapponesi e la Sea Shepherd Conservation Society si ripetono ormai ogni anno nelle acque antartiche.

Nelle ultime settimana la nave "Steve Irwin" di Sea Shepherd sta dando la caccia alle baleniere giapponesi per cercare di fermare la caccia.

A gennaio l'Australia ha fatto pressione sul Giappone affinché garantisca che le sue navi operino in maniera più sicura, dopo che gli attivisti hanno accusato i balenieri di aver affondato il motoscafo "Ady Gil".

La caccia commerciale alle baleniere è vietata in virtù di un trattato internazionale del 1986, ma il Giappone, che la considera una tradizione culturale, afferma di uccidere le balene per scopi di ricerca.

L'Australia si oppone alla caccia alle balene da parte del Giappone, ma i due paesi evitano che la questione danneggi le relazioni bilaterali.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Imbarcazione della Sea Shepher Conservation Society dopo la collisione con una baleniera giapponese (sullo sfondo). L'imbarcazione &egrave; prossima ad affondare. Foto d'archivio. REUTERS/Sea Shepherd/JoAnne McArthur/Handout</p>