Cerchi l'amore eterno? Non bastano sorrisi e aspetto fisico

martedì 9 febbraio 2010 11:06
 

NEW YORK (Reuters) - I single in cerca d'amore pongono troppo l'accento sull'aspetto estetico e sulla passione quando cercano il connubio perfetto. E' quanto dimostra una ricerca diffusa in vista di San Valentino.

Un'analisi del sito di appuntamenti online eHarmony dimostra che quello che una persona trova attraente in un possibile partner non necessariamente si rivela la qualità giusta per far funzionare un rapporto, una lezione imparata sulla propria pelle da coloro che hanno vissuto un matrimonio difficile.

Per esempio, le donne single al di sotto dei 45 anni danno molta più importanza, addirittura 13 volte di più rispetto alle donne sposate, a sentimenti quali passione e desiderio.

Le donne single, con un'età superiore ai 45 anni, sottolineano invece l'importanza dell'amore il doppio delle volte rispetto a quelle sposate, che prediligono l'amicizia.

"Noi sappiamo da che cosa siamo attratti. E' molto facile da vedere. Ma la sfida di trovare qualcuno di affascinante potrebbe farci perdere di vista cosa, alla lunga, è veramente importante" ha detto Gian Gonzaga, direttore del settore ricerca e sviluppo della società con sede in California.

EHarmony ha raccolto le risposte di 598.000 utenti registrati al sito -- alcuni dei quali già stati sposati, altri no -- proprio alle domande circa le qualità cercate in un potenziale partner.

Le persone single hanno posto l'accento sull'aspetto fisico, sulla passione e sulla personalità del partner, mentre coloro che sono già stati sposati hanno privilegiato aspetti come l'intimità, la capacità di mediazione o la compatibilità sessuale.

"Lo studio dimostra che i single sono più interessati agli aspetti emozionali di una relazione che alle qualità necessarie perché una storia duri a lungo", ha commentato Gonzaga.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>George Clooney con Elisabetta Canalis in foto d'archivio. REUTERS/Andrew Winning</p>