Malaria, nuovo vaccino promettente nella protezione dei bambini

giovedì 4 febbraio 2010 10:15
 

CHICAGO (Reuters) - Un nuovo vaccino si è dimostrato promettente nella protezione dei bambini dalla malaria, offrendo potenzialmente una nuova arma contro la malattia, che uccide almeno un milione di persone all'anno. Lo hanno annunciato oggi alcuni ricercatori americani.

Nell'ambito di uno studio condotto su 100 bambini dell'Africa occidentale tra gli uno e i sei anni, il vaccino sperimentale ha generato risposte immunitarie simili o addirittura maggiori rispetto a quelle degli adulti già infettati dalla malattia.

Il vaccino, che impiega un adiuvante dalla casa farmaceutica britannica GlaxoSmithKline, agisce sul parassita della malaria nella fase in cui infetta i globuli rossi causando febbre e malattie.

Il vaccino per la fase cosiddetta ematica agisce quindi in una fase del ciclo di vita del parassita successiva a quella in cui agisce il vaccino sperimentale della Glaxo Mosquirix.

"Quello che mi colpisce di questo vaccino è la risposta degli anticorpi", spiega Christopher Plowe della University of Maryland di Baltimora, ricercatore dell'Howard Hughes Medical Institute e autore dello studio apparso su PLoS ONE, rivista della Public Library of Science.

"Gli adulti in Mali esposti alla malaria da sempre non si ammalano più. Vengono infettati ma non si ammalano", ha spiegato Plowe nel corso di un'intervista telefonica. "E' esattamente questo che deve fare un vaccino per la fase ematica".

Plowe ha spiegato che i bambini, partiti con meno anticorpi, dopo la vaccinazione ne avevano in quantità pari, se non leggermente superiore, agli adulti appartenenti alla loro stessa comunità.

Visti i promettenti risultati, prenderà il via una seconda fase di test su 400 bambini, nell'ambito della quale si cercherà di capire se il vaccino può combattere l'infezione.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Un ricercatore osserva campioni di sangue REUTERS/Damir Sagolj</p>