Il tè torna di moda, il settore si rinnova

martedì 2 febbraio 2010 11:48
 

SINGAPORE, 2 febbraio (Reuters ) - Chi vuole una tazza di tè? Non soltanto gli inglesi e le vecchie signore si godono il tè, visto che la seconda bevanda più consumata al mondo dopo l'acqua è amata oggi anche dai più giovani, storicamente clienti più difficili da attrarre.

Se si considera il tè una bevanda fuori moda, probabilmente non si è frequento una delle centinaia di sale dedicate a questo piacere in molti paesi al mondo, dagli Stati Uniti all'Australia, che arrivano ad offrire centinaia di miscele.

Selfridges, catena britannica di grandi magazzini, offre in vista del giorno di San Valentino un tè afrodisiaco chiamato Pozione d'amore.

"I giorni della degustazione del tè sono passati, adesso la nuova moda è rilassarsi con cocktail di tè", dice Hutta Waldeck, esperta del settore in cui lavora da oltre dieci anni. "Dobbiamo continuare a innovare così da mantenere il tè parte integrante della vita delle generazioni più giovani".

Nella cultura cinese si crede che il tè risalga al 2.737 a.C., grazie all'intuizione del secondo imperatore della Cina. La tradizione vuole che l'imperatore stesse bevendo dell'acqua calda da una ciotola in cui caddero delle foglie di tè, dando vita all'infuso più famoso al mondo.

Il tè è consumato in varie forme, dai tè verdi tipici dell'Asia del nord ai tè miscelati con latte, spezie, zucchero e erbe diffusi in India e in Asia del sud.

Un recente studio, presentato al primo convegno internazionale sull'obesità addominale, sostiene che il tè potrebbe aiutare a snellire il girovita.

Un altro studio giapponese ha invece trovato che i consumatori abituali di tè verde hanno meno probabilità di soffrire di depressione.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Singapore. Impiegata della catena "Quickly" mostra una bevanda a base di te, frutta e tapioca. Foto d'archivio. REUTERS/STR New</p>