Informazione, Eurispes: per più di metà italiani non è libera

venerdì 29 gennaio 2010 11:34
 

ROMA (Reuters) - Più della metà dei cittadini italiani ritiene che il sistema informativo del nostro paese non sia libero da influenze esterne. E' quanto si apprende dal rapporto Eurispes sull'Italia 2010.

Per il 53,1% degli italiani, infatti, l'informazione non può essere considerata libera da influenze esterne, a fronte di un 39% che valuta i media italiani lontani da qualsiasi rischio di condizionamento.

A ritenere libera l'informazione nel nostro paese sono prevalentemente coloro che si identificano negli schieramenti politici di centro-destra (51,9%) e di destra (49,2%). Al contrario, la possibilità di esprimersi attraverso i media trova consistenti ostacoli alla sua piena realizzazione secondo l'opinione espressa da chi si dichiara vicino alle idee della sinistra (63,6%) o del centro-sinistra (56%), ma anche da quanti non si sento rappresentati da nessun partito (61,5%).

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia