Tennis, Australian Open: Federer in semifinale, Djokovic ko

mercoledì 27 gennaio 2010 16:36
 

MELBOURNE (Reuters) - Il numero uno al mondo Roger Federer affronterà, nella semifinale degli Australian Open di tennis, il francese Jo-Wilfried Tsonga. E' questo il responso degli ultimi due quarti di finale del torneo singolare maschile, in corso a Melbourne.

Federer, dopo una brutta partenza, si è sbarazzato del russo Nikolay Davydenko in quattro set (2-6, 6-3, 6-0, 7-5), mentre Tsonga ha compiuto una vera e propria impresa, battendo il serbo Novak Djokovic, numero tre del ranking mondiale, in cinque set (7-6, 6-7, 1-6, 6-3, 6- 1), accedendo alle semifinali e prendendosi la rivincita su quel Djokovic che l'aveva battuto nella finale del 2008.

Federer, invece, continua a inanellare record, e ha raggiunto la sua 23esima semifinale consecutiva in uno Slam. L'ultima volta che il campione svizzero è rimasto fuori dai migliori quattro è stato nel 2004, quando fu eliminato al terzo turno al Roland Garros.

L'altra semifinale del singolare maschile metterà di fronte, invece, Andy Murray e Marin Cilic.

Nel torneo femminile, invece, è boom cinese. Per la prima volta, infatti, la Cina porta due giocatrici tra le prime quattro di uno Slam. Dopo Zheng Jie, che ieri aveva battuto la russa Maria Kirilenko, oggi si è qualificata per le semifinali anche Li Na, che ha sconfitto Venus Williams in tre set (2-6, 7-6 (7/4), 7-5).

La rivincita delle sorelle Williams si è comunque consumata grazie a Serena Williams, che invece in semifinale ci sarà, dopo aver sconfitto la bielorussa Azarenka nei quarti per 4-6, 6-7 (4-7), 6-2. La più piccola delle sorelle Williams si giocherà l'accesso in finale proprio contro Li Na.

Zheng Jie, invece, se la vedrà con l'ex numero uno del mondo Justine Henin, che continua a coltivare il suo sogno di vincere uno Slam subito dopo essere rientrata nel circus dopo 18 mesi di assenza.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>27 gennaio 2010. Roger Federer durante la partita che lo ha visto battere Nikolay Davydenko. REUTERS/David Gray</p>