Auto, Gm investirà in motori elettrici

martedì 26 gennaio 2010 13:06
 

di Soyoung Kim

DETROIT (Reuters) - General Motors [GM.UL] ha annunciato oggi che costruirà un impianto da 246 milioni di dollari, finanziato da fondi del governo Usa, per costruire motori elettrici destinati ad alimentare in futuro veicoli ibridi o, possibilmente, a sola energia elettrica.

L'iniziativa rientra nell'ambito di una svolta sostenuta da Gm e dall'amministrazione Obama per lo sviluppo di tecnologia destinata ad auto elettriche degli Stati Uniti e per sfidare la leadership di case automobilistiche e fornitori automobilistici asiatici, in un mercato che può essere potenzialmente esplosivo.

I primi motori elettrici disegnati e costruiti da Gm dovrebbero fare la loro comparsa nel 2013 in veicoli ibridi a trazione posteriore. Gm ha detto che valuterà se costruire motori in proprio per una più ampia gamma di veicoli elettrici.

L'azienda di Detroit annuncerà il sito di costruzione del nuovo impianto nei prossimi giorni.

I motori elettrici - l'equivalente del motore a combustione interna che alimenta i veicoli convenzionali - converte l'energia elettrica proveniente dalle batteria in energia meccanica.

Gli investimenti di Gm nella tecnologia dei motori elettrici saranno sottoscritti in parte da una sovvenzione di 105 milioni di dollari concessa in agosto dal dipartimento all'Energia del governo Usa.

Il governo americano detiene il 61% della azienda dopo aver investito 500 miliardi di dollari per il suo salvataggio.

Gli investimenti rientrano nell'impegno del principale costruttore di auto americano a realizzare veicoli più efficienti dal punto di vista del carburante, mentre l'azienda ridisegna la propria immagine pubblica dopo la bancarotta di luglio 2009.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>25 gennaio 2010. Ed Whitacre Jr., direttore esecutivo di General Motors, annuncia che assumer&agrave; l'incarico di amministratore delegato della societ&agrave;. REUTERS/Rebecca Cook</p>