Inchiesta vip, Lapo Elkann vittima foto-ricatto da 300.000 euro

venerdì 22 gennaio 2010 20:31
 

MILANO (Reuters) - Lapo Elkann sarebbe stato vittima di un ricatto con una foto, per la quale sarebbero stati pagati 300.000 euro per impedirne la pubblicazione, un episodio che è al centro della nuova inchiesta milanese su tentate estorsioni a personaggi noti. Lo rivelano oggi fonti giudiziarie.

Non è stato possibile al momento raggiungere Elkann per un commento.

L'indagine milanese, che vede al momento quattro indagati, è nata all'inizio del 2008 da un'intercettazione in un'inchiesta di droga, in cui due persone parlavano di ritirare una fotografia compromettente dal mercato.

Tra i 15-20 episodi oggetto dell'inchiesta c'è anche uno scatto che avrebbe coinvolto un politico di centrodestra.

La procura ha iscritto nel registro degli indagati quattro fotografi: Max Scarfone, già coinvolto nella vicenda dell'ex governatore del Lazio Piero Marrazzo, Carmen Masi dell'agenzia fotografica "Foto Masi", Maurizio Sorge, dell'agenzia fotografica "Spy One" e un fotografo di un'altra agenzia.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia