Farmaci dimagranti, stop alla sibutramina in Italia

venerdì 22 gennaio 2010 12:50
 

ROMA/WASHINGTON (Reuters) - L'Agenzia Italiana del Farmaco ha disposto, con decorrenza immediata, il divieto di vendita e di utilizzo di farmaci dimagranti a base di sibutramina. E' la stessa Aifa a comunicarlo in una nota.

Lo stop alle pillole dimagranti a base di sibutramina, fa sapere l'agenzia, "si è reso necessario a seguito della valutazione del Comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) che ha riscontato un rapporto rischio-beneficio sfavorevole per tali farmaci".

L'Aifa ha anche invitato i pazienti che sono attualmente in cura con medicinali contenenti sibutramina a contattare il proprio medico per valutare la possibilità di una terapia alternativa.

Anche la casa farmaceutica Abbott ha annunciato che sospenderà la vendita in Europa della sua pillola dimagrante contenente sibutramina, proprio su raccomandazione dell'Agenzia europea per i medicinali, che aveva ravvisato rischi troppo elevati per il cuore.

L'Emea ha raccomandato infatti la sospensione di farmaci contenenti sibutramina, venduti come Reductil, Reduxade e Zelium in Europa, e con il nome Meridia negli Usa.

"I rischi di questi farmaci sono superiori ai benefici", ha comunicato l'Emea alla Commissione Europea, aggiungendo che la perdita di peso successiva alla somministrazione di questi farmaci è di entità "modesta" e potrebbe non durare anche dopo la fine del trattamento.

Abbott si adeguerà alla raccomandazione anche se, ha commentato il portavoce dell'azienda Kurt Ebenhoch, "siamo rispettosamente in disaccordo", e "crediamo che ci siano molti pazienti che traggono dei benefici da questo farmaco".

La medicina rimarrà comunque disponibile fuori dall'Europa, ha confermato il portavoce. Le vendite globali di Meridia, nel 2009, si sono aggirate sui 300 milioni di dollari.

Anche negli Stati Uniti, però, la Food and Drug Administration ha reso noto che questo farmaco aumenta le possibilità di un attacco di cuore o di ictus per le persone già affette da problemi cardiovascolari.

Abbott, quindi, ha accettato di sottolineare esplicitamente che l'assunzione di questo farmaco è sconsigliata per questa categoria di persone.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Farmaco dimagrante in foto d'archivio. REUTERS/Kimimasa Mayama</p>