Inchiesta Vip, Fabrizio Corona prosciolto a Potenza

mercoledì 20 gennaio 2010 19:42
 

BARI (Reuters) - Il gup di Potenza Luigi Barrella ha prosciolto l'agente fotografico Fabrizio Corona nell'inchiesta sui presunti ricatti a personaggi famosi.

Lo riferisce una fonte giudiziaria.

Corona era stato arrestato nel 2007 con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata all'estorsione su richiesta del pm Henry John Woodcock, oggi trasferito a Napoli, e su disposizione del gip Alberto Iannuzzi.

Il gup Barrella -- si legge nel dispositivo -- ha disposto il non luogo a procedere anche per altri sette imputati. Si tratta di Marco Bonato, Fabrizio Pensa detto Bicio, Mauro Tanziarol, Luca Muci, Marcello D'Onofrio, Andrea Rigante e Sonia Mauri.

Il gup depositerà le motivazioni entro 90 giorni.

I fascicoli relativi ad altre sei persone -- Riccardo Schicchi, Andrea Carboni, Francesco Chiesa Soprani, Massimiliano Fullin, Renzo Fanti e Marcello Silvestri -- ai quali vengono contestati a vario titolo presunti episodi di riciclaggio di denaro, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, sono stati trasferiti ad altre quattro sedi per incompetenza territoriale.

A dare il via all'inchiesta sui presunti ricatti a personaggi politici e dello spettacolo fu nel 2007 la procura di Potenza, dove è rimasta la parte dell'inchiesta relativa all'associazione per delinquere.

Successivamente, alcuni filoni furono trasferiti per competenza territoriale in altre città, tra cui Milano, dove Corona è stato condannato a tre anni e otto mesi di reclusione per estorsione e tentata estorsione lo scorso 10 dicembre.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia