Amsterdam, vice-sindaco propone regole più severe per bordelli

martedì 19 gennaio 2010 13:48
 

AMSTERDAM (Reuters) - Il vice-sindaco di Amsterdam ha proposto delle nuove misure per combattere la prostituzione illegale, tra le quali anche un orario ristretto per i bordelli e l'innalzamento dell'età minima delle prostitute da 18 a 23 anni.

Lodewijk Asscher, in vista delle elezioni del prossimo marzo, ha detto che la prostituzione dovrebbe essere vietata dalle quattro alle otto della mattina per combattere lo sfruttamento, il crimine e il traffico di essere umani nel distretto a luci rosse, presente nella capitale olandese ormai da 800 anni.

"A quell'ora ci sono solo balordi in giro", ha detto Asscher ad una radio olandese. "Le donne hanno il terrore di lavorare in quelle ore e, a volte, le più vulnerabili sono sfruttate".

I sindacati locali delle prostitute, però, hanno già attaccato la proposta del vice-sindaco perché le ore in questione sono tra le più remunerative per le ragazze.

"Non è una buona idea. Quelle sono le ore durante le quali le ragazze possono guadagnare di più", ha detto Metje Blaak, portavoce del sindacato delle prostitute Rode Draad.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Il vice-sindaco di Amsterdam ha proposto delle nuove misure per combattere la prostituzione illegale, tra le quali anche un orario ristretto per i bordelli e l'innalzamento dell'et&agrave; minima delle prostitute da 18 a 23 anni. REUTERS/Koen van Weel</p>