Mondiali calcio,polizia Sudafrica cerca uomini per minacce in tv

lunedì 18 gennaio 2010 16:13
 

JOHANNESBURG (Reuters) - La polizia sta cercando due uomini le cui minacce durante un programma televisivo di uccidere e derubare i tifosi ai Mondiali di calcio a giugno hanno messo in allarme le autorità, preoccupate che la reputazione del Sudafrica di Paese violento possa scoraggiare i visitatori stranieri.

Un'intervista ai due uomini sul canale televisivo privato eTv ha provocato un certo trambusto, e sia il ministro della Polizia Nathi Mthethwa che il commissario Bheki Cele hanno condannato l'emittente.

Gli uomini, i cui volti sono stati oscurati, hanno detto in un programma in onda nel fine settimana che commetteranno rapine a mano armata e uccideranno - adducendo come giustificazione la vendetta per i soprusi coloniali - nel mese dei Mondiali, che dovrebbero richiamare 450mila tifosi stranieri.

Mthethwa ha detto che i due potrebbero venire arrestati per intimidazione e rischiare 20 anni di carcere. Cele ha chiesto che eTv identifichi gli uomini e fornisca dettagli per poterli trovare.

Il ministro della Polizia ha detto che la ripetuta messa in onda dell'intervista ha incoraggiato il crimine e un clima di "paura e isteria".

"Fornisce una indesiderata visibilità a delinquenti e criminali per minare gli sforzi del Sudafrica di garantire una Coppa del mondo Fifa 2010 sicura", ha spiegato il ministro, rassicurando poi i visitatori stranieri.

eTv ha difeso il programma, dicendo che si è trattato di un buon lavoro giornalistico che non ha glorificato i criminali.

Funzionari sudafricani e dei Mondiali sono particolarmente sensibili al tema della violenza, uno dei maggiori timori relativi alla competizione. Il Paese ha uno dei più alti tassi di crimini violenti del mondo, con 50 omicidi al giorno.

Il numero uno dell'organizzazione dei Mondiali, Danny Jordaan, la settimana scorsa ha respinto con forza l'idea che l'agguato alla nazionale di calcio del Togo in Angola per la Coppa d'Africa abbia messo in evidenza l'acuirsi delle minacce per la sicurezza della Coppa del mondo.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Danny Jordan, il presidente del comitato organizzatore dei mondiali in Sudafrica. REUTERS/ Siphiwe Sibeko</p>