Atletica, per Semenya niente gare fino a risoluzione caso sesso

giovedì 14 gennaio 2010 17:11
 

JOHANNESBURG (Reuters) - L'atleta sudafricana Caster Semenya non potrà gareggiare finché non sarà risolto il caso riguardante il suo sesso. Lo ha fatto sapere la federazione sudafricana di atletica leggera.

Semenya era stata sottoposta a test sul sesso dopo aver vinto la medaglia d'oro negli 800 metri di corsa ai Mondiali di Berlino di atletica leggera dello scorso agosto, migliorando il suo record personale di oltre un secondo. L'Associazione Internazionale delle Federazioni di Atletica Leggera (Iaaf), però, deve ancora rendere pubblici i risultati di questi test.

L'amministratore della Federazione sudafricana di atletica ha fatto sapere che la 19enne potrà gareggiare solo dopo il via libera della Iaaf.

"Possiamo consentirle di partecipare agli eventi solo dopo il via libera della Iaaf, non in questo momento", ha detto Mali a Reuters.

I media locali, oggi, hanno però riportato le frasi del coach di Semenya, Michael Seme, il quale ha detto che la campionessa mondiale si sta preparando per partecipare ad un evento nazionale in programma il prossimo 19 febbraio.

Mali ha detto che farà pressioni sulla Iaaf per giungere ad una decisione definitiva ma, fino a quel momento, a Semenya sarà vietato di allenarsi con le altre atlete.

Il padre dell'atleta, Jacob, non ha potuto confermare la presenza o meno della figlia al meeting di febbraio.

"Solo Dio sa se correrà o no", ha detto l'uomo a Reuters.

Fino a questo momento né la Iaaf né la federazione sudafricana di atletica leggera hanno fatto sapere in quali circostanze Semenya potrebbe continuare a correre tra le donne.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>L'atleta sudafricana Caster Semenya, campionessa mondiale a Berlino al suo ritorno in patria mentre danza con la madre. REUTERS/Stringer/STR New</p>