Michael Jackson, documenti Fbi rivelano dettagli su stalker

mercoledì 23 dicembre 2009 11:26
 

LOS ANGELES (Reuters) - L'Fbi ha diffuso centinaia di documenti precedentemente secretati relativi a Michael Jackson, la maggior parte dei quali riguardante un'indagine del 1992 su un uomo che aveva minacciato di uccidere la pop star e l'allora presidente Usa George Bush senior.

I documenti includono numerose lettere di minaccia inviate dal sospettato, che secondo l'Fbi millantava di essere figlio del boss John Gotti e inizialmente considerato incapace di intendere per andare a processo.

Tra i documenti ci sono anche giornali sul caso di un uomo, identificato come Frank Paul Jones, ossessionato da Janet Jackson, sorella di Michael.

Secondo le notizie dell'epoca, un newyorkese fu arrestato alla Casa Bianca per aver tentato di accedervi illegalmente, e venne arrestato un mese più tardi per essere entrato nella proprietà dei genitori dei Jackson a Los Angeles.

In una lettera, il sospetto scrive: "Se non mi arrestano o risolvono i miei problemi, tenterò di uccidere il presidente George Bush." In un'altra, minaccia di "fare un omicidio di massa ad un concerto di Michael Jackson, se necessario" e "tenterò personalmente di uccidere (Jackson) se non mi darà i miei soldi".

I file, resi pubblici in risposta alla richiesta fatta secondo il Freedom of Information Act federale, ha rivelato il ruolo dell'Fbi nell'assistere la polizia della California nell'indagine sui presunti abusi sessuali su bambini contro Jackson, morto lo scorso giugno a 50 anni.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia