23 dicembre 2009 / 08:54 / 8 anni fa

Maltempo, ancora caos sui treni a Milano

<p>Piazza Duomo a Milano sotto la neve.Paolo Bona</p>

MILANO (Reuters) - Il maltempo continua a provocare disagi in nord Italia, con un forte caos per i treni cancellati o in ritardo alla stazione di Milano, mentre la circolazione degli aerei e sulle strade sta tornando lentamente alla normalità tra le previsioni di pioggia e temperature in rialzo per i prossimi giorni.

Dopo il blocco dei treni all'alba a Milano, a causa di "numerose rotture della linea elettrica nelle tratte verso Bologna e Genova" provocate nella notte dal ghiaccio, la circolazione nel pomeriggio continua a essere difficoltosa e a provocare notevoli disagi con ripercussioni in tutta Italia.

Molti treni in arrivo e in partenza su tutte le tratte risultano in ritardo anche di 3-4 ore o soppressi, mentre migliaia di persone restano in attesa di partire e si è rischiata quasi la rissa per salire su un treno per Lecce, partito con svariate ore di ritardo.

Oggi, l'amministratore delegato di Fs Mauro Moretti -- che nei giorni scorsi aveva invitato chi voleva viaggiare in treno a dotarsi di viveri e coperte -- ha aperto alla possibilità di rimborsi per i passeggeri.

"Ne discuteremo, perché sappiamo che la gente ha avuto dei disagi", ha detto intervenendo su RaiDue, dopo che giorni fa aveva invece escluso quest'opzione citando i regolamenti comunitari.

Una nota delle Fs spiega inoltre che "per quanto riguarda gli indennizzi per i ritardi, che per tali circostanze non sono previste dalla normativa in vigore, Trenitalia sta valutando altre forme di attenzione e di compensazione, anche in virtù delle indicazioni che verranno dalle istituzioni", sottolineando che "per le oltre 7.000 persone che hanno deciso di non viaggiare è stato predisposto in via straordinaria il rimborso integrale del biglietto senza alcuna trattenuta".

Il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni ha criticato le scelte delle ferrovie. "E' inaccettabile che Rfi (Rete ferroviaria italiana) abbia deciso questa notte, senza consultarci preventivamente, di bloccare la circolazione dei treni in Lombardia", ha detto, sottolineando che "è impensabile che una decisione di questo genere venga presa senza consultare la Regione".

AEROPORTI VERSO NORMALITA'

Dopo le chiusure di ieri, gli aeroporti di Linate e Malpensa -- che sperimentano criticità nell'approvvigionamento del liquido antigelo necessario per il decollo degli aerei -- sono aperti, seppur con voli in ritardo di due ore in media, secondo quanto riferito dalla Regione, mentre i mezzi pubblici in città circolano regolarmente.

Anche l'Enac ha annunciato che in tutto il nord Italia la situazione degli aeroporti sta migliorando ed è in fase di regolarizzazione, anche grazie al miglioramento delle condizioni meteo.

Alitalia ha annunciato che stamani da Linate -- dove ieri e stamani la chiusura dello scalo ha provocato la cancellazione di "numerosi" voli -- sono partiti 22 aerei e ha confermato che i passeggeri con biglietti per il 22 e 23 potranno riprenotare i voli, modificare l'itinerario o farsi rimborsare il biglietto senza spese aggiuntive entro il 26 dicembre.

Le autostrade continuano ad essere percorribili in tutta Italia, anche se già oggi il traffico è da "bollino rosso", soprattutto verso il Sud, in vista delle immininenti festività natalizie, con flussi intensi sull'Autosole e sulla A14 Bologna-Taranto.

A VENEZIA ACQUA ALTA; RISCHIO VALANGHE IN LOMBARDIA

La Protezione civile ha segnalato invece disagi per l'erogazione dell'elettricità con 3.000 utenze interrotte a Milano e 2.000 a Prato.

E' stato emesso inoltre un avviso di "moderata criticità" per rischio valanghe per domani a Bergamo, Brescia, Como, Lecco, Sondrio e Varese.

A Venezia l'acqua alta ha raggiunto i 143 centimetri, mentre in Sicilia, a Palermo, il vento forte di scirocco ha provocato danni e ha visto diversi interventi dei vigili del fuoco per rimuovere alberi e pali divelti.

A Roma i pompieri sono invece intervenuti a Ostia, dove per una mareggiata sono state allagate diverse case ed un edificio è stato evacuato.

In Gran Bretagna, un volo di Ryanair è scivolato fuori dalla pista all'aeroporto di Prestwick, vicino a Glasgow, senza provocare infortuni alle 129 persone a bordo, mentre l'operatore ferroviario Eurostar, che gestisce i viaggi sotto la Manica, ha avvisato i passeggeri di non presentarsi in stazione a Londra prima delle 14 perché i treni sono pieni dopo i tre giorni di stop.

BEL TEMPO DA SABATO

Intanto le previsioni meteo danno piogge diffuse e continue, anche molto forti, su Liguria, Toscana, Lombardia, Friuli Venezia Giulia e Triveneto, con temperature in aumento al Centro-Sud ma ancora gelate in Pianura Padana e venti forti. Nuvoloso su Lazio, Umbria e il Sud in generale.

Ieri sera il capo della Protezione Civile Guido Bertolaso ha detto di essere preoccupato ora per l'eventuale rischio inondazioni a causa delle piogge e dello scioglimento della neve che provocheranno l'innalzamento del livello dei fiumi.

La tendenza per domani e Natale è sempre di cielo coperto e precipitazioni. Per vedere il sole in quasi tutta Italia si dovrà aspettare sabato.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below