Yemen,insolita apparizione pubblica di al Qaeda a manifestazione

martedì 22 dicembre 2009 16:59
 

SANAA (Reuters) - I militanti di al Qaeda ieri hanno fatto un'insolita apparizione pubblica nel sud dello Yemen, dicendo ai partecipanti a una manifestazione anti-governativa che il gruppo è in guerra con gli Stati Uniti, e non con l'esercito yemenita. Lo hanno riferito gli abitanti della zona.

L'Occidente e l'Arabia Saudita temono che al Qaeda tragga vantaggio dal concentrarsi dell'attenzione del governo yemenita sulla rivolta sciita nel nord e sul crescente sentimento secessionista nel sud per estendere le proprie operazioni nel regno, il principale esportatore di petrolio del mondo.

"Soldati, dovreste sapere che non ci sono problemi tra noi e voi. Il problema è tra noi e gli americani e i loro lacché", ha detto un militante - secondo quanto riportato dai residenti - a centinaia di persone riunite per protestare contro l'uccisione di decine di civili in raid governativi contro al Qaeda la settimana scorsa.

L'emittente tv al Jazeera ha mostrato immagini del militante che si rivolgeva alla folla mentre un altro militante armato gli stava accanto come una guardia del corpo. Entrambi erano a volto scoperto.

Un'esplosione ha provocato la morte di tre persone durante la protesta, tenuta in un presunto campo di addestramento di al Qaeda bombardato durante i raid di giovedì nella provincia meridionale di Abyan. Una fonte della sicurezza ha attribuito ad al Qaeda l'esplosione, che secondo alcuni avrebbe potuto essere provocata da munizioni inesplose.

Giovedì lo Yemen ha detto che le sue forze di sicurezza e gli aerei da guerra hanno evitato una serie di attentati suicidi attaccando una serie di obiettivi tra cui il centro di addestramento di al Qaeda.

Circa 30 militanti di al Qaeda sono stati uccisi e 17 arrestati ad Abyan e Arhab, a nordest della capitale Sanaa.

I manifestanti, tra cui sostenitori del Movimento Meridionale secondo il quale il sud dello Yemen è stato trascurato e che mira alla secessione, dicono che sono state uccise 50 persone, per lo più civili.

Il New York Times sabato ha detto che gli Stati Uniti hanno fornito sostegno -- compresi mezzi e intelligence -- alle forze yemenite per i raid.   Continua...

 
<p>Una manifestazione in Yemen. REUTERS/Stringer</p>