Sanremo, anche Emanuele Filiberto e Pupo con "Italia amore mio"

venerdì 18 dicembre 2009 19:04
 

MILANO (Reuters) - Ci sarà anche il principe Emanuele Filiberto in gara del prossimo Festival di Sanremo, che vedrà esibirsi nella categoria big 16 artisti al posto dei 14 previsti, vista "l'originalità delle canzoni presentate".

Ad annunciarlo in una nota è la Rai, che conferma così le indiscrezioni circolate nelle settimane scorse che volevano il principe Savoia in gara. Emanuele Filiberto canterà insieme a Pupo e al tenore Luca Canonici, con un brano dal titolo "Italia amore mio".

Ma a Sanremo ci saranno anche ben tre protagonisti di talent-show: oltre a Marco Mengoni, vincitore dell'ultimo X-Factor, che da contratto prevedeva la partecipazione al Festival, ci saranno Noemi, reduce della passata edizione del reality di Raidue e Valerio Scanu, tra i partecipanti della scorsa edizione di "Amici" di Maria De Filippi su Canale 5.

Da X-Factor arriverà un po' a sorpresa anche il "giudice" Morgan.

In gara ci saranno anche la vincitrice della sezione giovani del Festival dello scorso anno Arisa, oltre a Malika Ayane, Simone Cristicchi, Toto Cutugno, Nino D'Angelo, Irene Grandi, Fabrizio Moro, i Nomadi, Povia, Enrico Ruggeri e i Sonohra.

"Le canzoni del prossimo Sanremo sono sorprendenti, faranno parlare ed emozioneranno", spiega il direttore artistico del Festival Gianmarco Mazzi.

"Abbiamo lavorato per portare sul palco del Festival alcune delle più belle espressioni della nuova musica italiana insieme ad artisti che hanno fatto la storia di questa manifestazione".

Molto soddisfatta anche Antonella Clerici, chiamata quest'anno a condurre la 60esima edizione della kermesse canora. "Sono molto felice, è un cast effervescente e di qualità", spiega nella nota. "Artisti di talento, belle canzoni e grandi ospiti saranno i protagonisti di questa grande festa. Il Festival compie 60 anni ma non li dimostra".

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Emanuele Filiberto di Savoia in una foto archivio. REUTERS/Daniele La Monaca</p>