America Latina, Fidel Castro: non credete a sorriso di Obama

martedì 15 dicembre 2009 12:32
 

HAVANA (Reuters) - L'ex leader cubano Fidel Castro ha detto che non ci si può fidare del "sorriso gentile" del presidente Usa Barack Obama, aggiungendo che Washington sta complottando contro i governi latino-americani di sinistra, compreso il Venezuela. Castro, 83 anni, che ha guidato Cuba per circa 50 anni prima di lasciare la presidenza al fratello minore Raul lo scorso anno per motivi di salute, aveva inizialmente accolto benevolmente l'elezione di Obama, salvo poi diventare sempre più critico.

In una lettera letta dal presidente venezuelano Hugo Chavez durante un meeting con i leader latinoamericani di sinistra all'Havana, Castro ha detto che gli Stati Uniti stanno appoggiando movimenti di destra per indebolire Chavez e altri leader regionali socialisti.

"Le intenzioni dell'impero sono ovvie, celate sotto il sorriso gentile e il volto afroamericano di Barack Obama", si legge nella lettera di Castro.

"L'impero si sta muovendo dietro le forze di destra in America Latina per colpire il Venezuela e, così facendo, indebolire anche gli altri Stati socialisti".

Castro, che è salito al potere nel 1959 con la rivoluzione cubana, ha criticato aspramente l'appoggio di Washington al colpo di stato in Honduras del 28 giugno e l'accordo che consente un accesso più facile delle truppe Usa nelle basi militari colombiane.

La settimana scorsa, poi, l'ex leader cubano ha criticato Obama per aver accettato il Nobel per la Pace, dopo aver inviato altre truppe in Afghanistan.

Chavez, invece, aveva definito ieri Obama il vincitore del "premio Nobel per la Guerra".

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Foto d'archivio di Fidel Castro. REUTERS/Courtesy of Granma/Handout</p>