Ferrari, Montezemolo non ha visto Schumacher, ma non lo fermerà

lunedì 14 dicembre 2009 18:03
 

ROMA (Reuters) - Prima di dire qualunque cosa sull'annunciato addio di Michael Schumacher alla Ferrari, il presidente Luca Cordero di Montezemolo preferisce parlare con il pilota con il quale non si è ancora sentito. In ogni caso l'intenzione non è quella di fermarlo.

"Non ho ancora parlato con lui su questo", risponde Montezemolo, nel corso di una intervista con Reuters, alla domanda se impedirà a Schumacher in base agli accordi con la Ferrari di raggiungere la Mercedes come pilota il prossimo anno.

Il presidente della casa di Maranello, che appartiene al gruppo Fiat, aggiunge che "non c'è alcun vincolo" che lega il pilota tedesco alla Ferrari: "E' solo un caro amico, non un membro della squadra. E' un consulente per le nostre road car" e Montezemolo rispetterà la decisioni del pilota.

"Preferisco prima parlare con lui. E' chiaro che se decide di avviarsi su un'altra strada, il nostro accordo [di consulenza] non sarà più valido, questo è logico: non si può lavorare con noi e un nostro concorrente contemporaneamente".

I giornali tedeschi hanno scritto che Schumancher è molto vicino ad un accordo con la Mercedes per il prossimo anno quando il gruppo tedesco farà il suo ritorno ai Gran Premio di Formula Uno.

Schumacher compirà 41 anni a gennaio e tre anni fa si è ritirato dalle competizioni.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Montezemolo e Schumacher alla presentazione della Ferrari "458 Italia". REUTERS/Kai Pfaffenbach</p>