Copenaghen, protesta Paesi africani rallenta negoziati

lunedì 14 dicembre 2009 20:10
 

COPENAGHEN (Reuters) - I Paesi africani che partecipano alla conferenza sul clima di Copenaghen hanno interrotto i negoziati oggi, protestando -- a meno di quattro giorni dalla conclusione del summit, data in cui è previsto un accordo -- contro le nazioni ricche, colpevoli a loro dire di fare troppo poco per tagliare le emissioni di gas serra.

I Paesi africani hanno acconsentito a tornare al tavolo dei negoziati cinque ore dopo averlo lasciato accusando i Paesi industrializzati di cercare di affossare il Protocollo di Kyoto, che li obbliga a tagliare le emissioni entro il 2012.

"Abbiamo trovato una soluzione ragionevole", ha spiegato Andreas Carlgren, ministro dell'Ambiente della Svezia, che detiene la presidenza di turno dell'Ue. I Paesi ricchi hanno rassicurato quelli africani sulla loro volontà di discutere gli obiettivi fissati da Kyoto.

"La presidenza (danese) ha acconsentito a fare di più per prendere in considerazione il Protocollo di Kyoto", ha spiegato Pa Ousman Jarju, della delegazione del Gambia.

I negoziatori stanno cercando di superare la situazione di stallo e raggiungere un nuovo accordo Onu, atteso per venerdì, che riduca l'uso dei carburanti fossili in tutto il mondo.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
<p>Una manifestazione a Copenaghen durante il vertice sul clima. REUTERS/Christian Charisius (DENMARK - Tags: CIVIL UNREST ENVIRONMENT)</p>