Formula Uno,sì a nuovo sistema punteggio,19 gran premi in 2010

venerdì 11 dicembre 2009 19:03
 

di Alan Baldwin

LONDRA (Reuters) - La Formula Uno ha approvato oggi un nuovo sistema di punteggio, che consentirà ai primi 10 piloti classificati in ogni gran premio di ottenere punti, nel giorno in cui è stato anche diramato il nuovo calendario per la stagione 2010, che comprenderà ben 19 gran premi, eguagliando il record del 2005.

La Federazione Internazionale dell'Automobile ha fatto sapere che il consiglio mondiale ha approvato il nuovo sistema di punteggio, che assegnerà 25 punti al primo classificato, invece degli attuali 10.

Questa svolta, che arriva dopo che i team sono passati da 10 a 13, non avrebbe comunque alterato l'esito dell'ultimo mondiale, vinto dall'inglese Jenson Button, ma avrebbe consentito ad alcuni piloti rimasti a secco di conquistare qualche punto.

"E' un'ottima idea", ha commentato Button, che ritirerà proprio stasera a Monaco il suo trofeo, a Bbc Radio. "E' positivo guadagnare cinque punti sul secondo per ogni vittoria".

"E' importante perché tutti noi amiamo vincere i gran premi. Io quest'anno ho vinto sei gare e ho guadagnato solo due punti (sul secondo classificato)".

Con il nuovo sistema di punteggio, il secondo classificato guadagnerà 20 punti, il terzo 15, il quarto 10, il quinto 8, il sesto 6 e poi a scalare fino al decimo classificato che porterà a casa solo un punto. Nella stagione appena conclusa, invece, andavano a punti solo i primi otto piloti.

CALENDARIO

La stagione 2010 prenderà il via in Bahrein il 14 marzo e si concluderà sul circuito di Abu Dhabi, che ha fatto il suo debutto in calendario quest'anno, il 14 novembre.   Continua...

 
<p>La Formula Uno ha approvato oggi un nuovo sistema di punteggio, che consentir&agrave; ai primi 10 piloti classificati in ogni gran premio di ottenere punti, nel giorno in cui &egrave; stato anche diramato il nuovo calendario per la stagione 2010, che comprender&agrave; ben 19 gran premi, eguagliando il record del 2005. Nella foto la Ferrari di Kimi Raikkonen alle libere del gp di Silverstone del giugno scorso. REUTERS/Andrew Winning</p>